Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

COPASIR E INTELLIGENCE SUL CASO ORLANDI


COPASIR E INTELLIGENCE SUL CASO ORLANDI
25/06/2008, 17:06

Il caso Emanuela Orlandi approderà probabilmente in Parlamento. Il Copasir, Comitato Parlamentare Sicurezza, potrebbe infatti porre la questione all'ordine del giorno ai primi di luglio. Qui il Comitato, presieduto da Francesco Rutelli, incontrerà i vertici dei neonati servizi segreti italiani, Bruno Branciforte (Aise) e Giorgio Piccirillo (Aisi).
Tutto questo mentre c'è attesa per i movimenti della procura di Roma. I magistrati di Piazzale Clodio potrebbero chiedere l'apertura della tomba del boss della Magliana Enrico De Pedis. Ma il luogo in cui è sepolto "Renatino", territorio vaticano, potrebbe sollevare qualche problema tra Stato e Santa Sede. Il legame tra De Pedis e la Orlandi si ripropone dopo la telefonata, qualche anno fa, alla redazione di “Chi l’ha visto?”. “Volete risolvere il caso di Emanuela Orlandi? Guardate dentro la tomba di De Pedis…”. E naturalmente si ripropone dopo le rivelzioni di Sabrina Minardi, moglie di De Pedis, che tra l'altro ha chiamato in causa l'ex rensponsabile dello Ior, monsignor Marcinkus, ora defunto, come mandante del rapimento della ragazza.

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©