Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

E' divorzio tra occupazione e big event

Coppa America e lavoro, la deriva di un sogno


.

Coppa America e lavoro, la deriva di un sogno
29/03/2012, 15:03

NAPOLI – Mentre nel villaggio dell’America’s Cup stanno giungendo i primi catamarani con la massima soddisfazione degli Americani che, pacca sulla spalla, hanno promesso di ritornare anche nel 2013, cola a picco l’indice di gradimento del sindaco De Magistris che sul versante occupazione ha venduto troppa aria rispetto a quella che poteva contenere l’atmosfera partenopea. I grandi eventi sono prossimi, e questo mega indotto di cui parlava il primo cittadino e l’assessore al lavoro Esposito, onestamente, non si vede, anzi, chi sta per strada a protestare per i diritti lesi c’è sempre, come ci sono sempre i disoccupati organizzati di seconda e terza generazione, quelli ai quali è stato promesso, in percentuale, un utilizzo proprio nell’ambito dei big event. Ma nonostante ciò nulla si è mosso, assistiamo increduli all’organizzazione di un evento che manderà in scena una città divisa, un territorio che oltre alla bella facciata dell’evento internazionale, continua a soffrire le spaccature provocate da tanti personalismi e troppa approssimazione.

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©