Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sabato tornano gli americani a Napoli, servono risposte

Coppa America, serve il nulla osta dal Ministero


.

Coppa America, serve il nulla osta dal Ministero
18/01/2012, 15:01

NAPOLI – Il tempo stringe ed è tiranno. Manca, ormai, davvero poco per l’inizio delle pre-regate dell’Americas’cup. Il progetto è sulla scrivania del ministro per i Beni Culturali e del suo ufficio giuridico, toccherà agli avvocati definire la questione che riguarda i cantieri per ospitare i bolidi del mare. La domanda è: si può derogare al vincolo posto nel 2005 sullo specchio di mare di via Caracciolo e montare le attrezzature che servono per le regate anche se occultano i monumenti? Se la risposta dovesse essere negativa, vorrebbe dire che bisognerebbe rifare tutto da capo.
E mentre i tecnici del Comune illustravano ai colleghi del ministero lo studio, il sindaco Luigi de Magistris a Roma ha chiesto al ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri sostegno concreto per l’organizzazione delle kermesse velica e per il Forum delle Culture. La patente di grande evento per entrambe le manifestazioni, potrebbe accorciare i tempi burocratici.
Sabato tornano gli americani di Acea, la società che si occupa delle regate e bisognerà presentare loro qualcosa di concreto. La preoccupazione, certo, non manca e non lo nasconde il presidente degli industriali e della società di scopo per la Coppa America, Paolo Graziano: “A rischio ci sono 50 milioni di euro di investimenti ed un piano di marketing territoriale mondiale. Ci auguriamo - dice -  che le amministrazioni coinvolte riescano a collaborare per rendere il progetto di via Caracciolo fattibile".  

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©