Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Coppia di fidanzati arrestati dalla polizia in via mezzocannone: sequestrate dosi di stupefacente


Coppia di fidanzati arrestati dalla polizia  in via mezzocannone: sequestrate dosi di stupefacente
21/02/2014, 13:21

L’aver notato sopraggiungere la “Volante” dell’Ufficio Prevenzione Generale, ha costretto Simona BETUNIO, 26enne di Cisterna di Latina (LT), a raggiungere velocemente un bar in Via Mezzocannone, certa di non essere stata notata.I poliziotti, invece, osservato il comportamento della giovane donna, avvalendosi di personale femminile del Commissariato di Polizia Vicaria-Mercato, hanno deciso di procedere ad un controllo all’interno del bar, dove la stessa si stava intrattenendo a parlare con un uomo, Davide DI GUIDA, pregiudicato 28enne, risultato poi essere il suo fidanzato convivente.Per l’atteggiamento assunto dalla 26enne e per le circostanze, gli agenti si sono persuasi che la stessa, stesse spacciando droga in una delle zone con alto tasso di affluenza di giovani, visto la presenza delle varie facoltà universitarie.Da un controllo sommario, all’interno della borsa che la giovane indossava a tracolla, gli agenti non hanno rinvenuto nulla ma, la postura assunta, nel non volersi spostare da dove stava, tenendo ben puntato a terra un piede, ha indotto a ritenere che stesse nascondendo qualcosa.BETUNIO, infatti, aveva lasciato cadere a terra un borsellino, all’interno del quale erano custodite dosi di hashish e marijuana, che stava nascondendo sotto le scarpe.In considerazione del fatto che DI GUIDA è sottoposto alla misura alternativa dell’affidamento in prova ai servizi sociali, perché responsabile di detenzione illegale di droga ai fini di spaccio, gli agenti hanno effettuato una perquisizione nell’abitazione, rinvenendo e sequestrando una decina circa di dosi di marijuana, nonché un bilancino di precisione e 54 bustine del tipo utilizzate per il confezionamento dello stupefacente.BETUNIO e DI GUIDA sono stati arrestati dalla Polizia e, stamani, saranno giudicati con rito per direttissima.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©