Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'ipotesi è quella della rapina finita in tragedia

Correggio, pensionato 78enne massacrato in casa


Correggio, pensionato 78enne massacrato in casa
10/07/2012, 09:07

CORREGGIO (REGGIO EMILIA) - Il corpo di un agricoltore in pensione di 78 anni, Aldo Silingardi, è stato ritrovato ieri senza vita nella sua abitazione di Fosdondo, nelle campagna di Correggio, in provincia di Reggio Emilia. L'uomo, che è stato ritrovato con la testa fracassata, probabilmente è stato ucciso da qualcuno che voleva rapinarlo.

A compiere la triste scoperta è stato un parente, il genero del fratello dell'anziano pensionato, che era andato a far visita all'uomo e si era subito insospettito nel notare che la porta d'ingresso era aperta. Le stanze, all'interno, erano state messe a soqquadro. Il corpo della vittima era riverso sul pavimento con una profonda ferita sul capo. L'uomo ha immediatamente dato l'allarme e sul posto, insieme ai carabinieri, sono intervenuti anche i medici del 118. Tuttavia, per Aldo Silingardi era già troppo tardi. Proseguono, però le indagini, coordinate dal sostituto procuratore di Reggio Emilia Maria Rita Pantani. In serata sono stati effettuati anche i rilievi scientifici.

L'ipotesi prevalente, per adesso, è quella della rapina finita in tragedia. La vittima, descritta dai parenti come una persona mite, viveva da sola in casa. Potrebbe aver sorpreso uno o più ladri nella sua abitazione ed essere stato barbaramente ucciso al termine di una violenta colluttazione.

Ad ogni modo, quello di Fosdondo rappresenta il secondo episodio di violenza verificatosi nelle ultime ore nel Reggiano. "A Reggio - ha detto il segretario provinciale del sindacato di polizia Coisp, Fabio Boschi - ormai ci sono bande di soggetti dediti al saccheggio che non si fermano davanti a nulla". La notte scorsa, infatti, un poliziotto ha rischiato di essere ucciso da un ladro, un ragazzo georgiano di 19 anni che è stato sorpreso con i suoi complici mentre cercava di rubare in alcuni garage della periferia di Reggio Emilia. Durante la colluttazione il ragazzo ha strappato l'arma di ordinanza dell'agente, cercando per due volte di sparargli al volto, ma fortunatamente il poliziotto aveva messo la sicura all'arma.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©