Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Corso di “ Formazione superiore per il contrasto dei crimini ambientali in Campania”


Corso di “ Formazione superiore per il contrasto dei crimini ambientali in Campania”
03/05/2011, 13:05

Il settore dei crimini ambientali rappresenta un campo nel quale sono sempre più impegnate le Forze dell’Ordine, le Polizie locali e tutti gli operatori della sicurezza in uno sforzo a tutto campo per assicurare la tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini.
Si tratta di un’attività che richiede un continuo aggiornamento delle competenze e la massima professionalizzazione degli operatori per fronteggiare condotte illecite sempre più sofisticate e difficili da portare alla luce e nelle quali continua a svolgere un ruolo importante anche il crimine organizzato.
Il corso di “ Formazione superiore per il contrasto dei crimini ambientali in Campania” ,presentato stamattina dal Prefetto di Napoli - presenti il Procuratore aggiunto della Procura della Repubblica Dott. Aldo De Chiara e il Sostituto Procuratore Nazionale Antimafia Dott. Roberto Pennini, unitamente al dott Simone Balduino per il Ministero dell’Interno - è finanziato dal PON Sicurezza 2007-2013, misura I.5 e va proprio in questa direzione.
Le lezioni, che si articoleranno in 42 edizioni, con l’organizzazione di 15 seminari di approfondimento monotematico nelle cinque province interessate, si concluderanno a dicembre e prevedono la partecipazione complessiva di 1000 appartenenti alle Forze di Polizia operanti nella Regione Campania , tra cui Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo Forestale dello Stato, Capitanerie di Porto, Polizie Provinciali e Locali.
Il Prefetto De Martino, nell’illustrare scopi e obiettivi del corso di formazione “ ha evidenziato come quello ambientale sia diventato uno dei campi strategici nei quali si deve concentrare, in chiave di prevenzione e contrasto la lotta alla criminalità organizzata e, al tempo stesso, uno dei fattori che più incide sulla percezione della sicurezza e della qualità della vita dei cittadini”.
“In questo quadro, diventa quanto mai essenziale” ha proseguito De Martino” innalzare il livello di contrasto, introducendo metodologie innovative, in grado di rendere sempre più efficiente l’attività delle Forze dell’Ordine.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©