Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Depositate le motivazioni della condanna

Corte d'Appello: "Su Parolisi indizi gravi e concordanti"


Corte d'Appello: 'Su Parolisi indizi gravi e concordanti'
23/12/2013, 17:50

L'AQUILA - Non hanno dubbi i giudici della Corte d'Assise d'Appello di L'Aquila: su Salvatore Parolisi ci sono indizi gravi e concordanti sulle sue responsabilità nell'omicidio della moglie Melania Rea. E spiegano anche che gli indizi "precisi sono quelli non generici e non suscettibili di diversa interpretazione altrettanto o più verosimile e, perciò non equivoci; concordanti sono quelli che non contrastano tra loro e più ancora con altri dati o elementi certi". 
Adesso i suoi difensori hanno tempo fino al 28 febbraio per presentare ricorso in Cassazione, contro la condanna a 30 anni di reclusione inflitti dalla Corte d'Assise d'Appello.
Parolisi era stato condannato all'ergastolo in primo grado, per l'omicidio della moglie; sentenza che poi in appello era stata ridotta a 30 anni, per una diversa valutazione delle attenuanti rispetto alle aggravanti.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©