Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La compagnia ha assicurato 600 posti aerei per il rientro

Costa Allegra: l'arrivo a Mahé è previsto per domani

Il peschereccio francese 'Trevignon' sta trainando la nave

Costa Allegra: l'arrivo a Mahé è previsto per domani
29/02/2012, 17:02

SEYCHELLES - Sta per terminare la disavventura della Costa Allegra. In un primo momento l'arrivo della nave da crociera era previsto per oggi alle 15, le operazioni di rimorchio hanno fatto slittare alle 22:30 l'attracco all'isola Mahé, ma ormai è certo che la nave non arriverà prima di domani mattina. La Costa Allegra dovrebbe arrivare verso le 9, che corrispondono alle ore 6 in Italia. Naturalmente il viaggio fino all'isola principale delle Seychelles dipende soprattutto dalle condizioni meteorologiche e del mare. Inoltre, sulla nave stanno per arrivare i tecnici della Costa Crociere, che potrebbero rimettere in funzione i propulsori, anche se in modo parziale. La compagnia assicura che sono già stati predisposti 600 posti aerei per i rientri e oltre 400 camere d'albergo per eventuali necessità di soggiorno sull'isola. Tutte le operazioni di rientro saranno assistite dai membri del 'Care Team' della Costa Crociere.
Molti passeggeri non sono ancora riusciti a comunicare con i loro parenti, ma tutti sono in buone condizioni, assistiti dall'equipaggio della nave. Sulla Costa Allegra sono presenti i tecnici e il personale amministrativi inviato dalla società. Sono stati accompagnati sulla nave dalla Marina militare delle Seychelles, che ha portato a bordo anche un generatore d'emergenza. La Costa Allegra viaggia a una velocità di 4,2 nodi l'ora. "Le correnti sono favorevoli, il mare è calmo e si procede senza problemi - spiega Alain Derveute, il capitano del peschereccio francese 'Trevignon' che sta trainando la Costa Allegra verso il porto di Mahé - , Siamo in due ad alternarci al timone perché, per motivi di sicurezza, abbiamo deciso di non ricorrere al pilota automatico". A bordo della nave da crociera invece le condizioni non sono ottimali per la mancanza di elettricità e il caldo forte. Sulla nave, però, arriva un elicottero due o tre volte al giorno per assicurare i generi di prima necessità.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©