Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Tra 24 ore via alle operazioni di pompaggio del carburante

Costa Concordia, alcuni reperti in vendita su eBay


Costa Concordia, alcuni reperti in vendita su eBay
31/01/2012, 18:01

ROMA – Alcuni dei resti della nave da crociera Costa Concordia, naufragata all’isola del Giglio, sono finiti su eBay.

Si trova di tutto: dal bicchiere da cocktail al gettone del Casinò, dalle chiavi elettroniche delle stanze ai modellini. Tutto il mondo sembra interessato ad avere un ricordo di quella che era uno dei gioielli del mare: le offerte, infatti, fioccano. Al momento l’oggetto più costoso in assoluto è il gettone del casinò, il prezzo a base d'asta è di poco meno di 690 euro. Nessuno però, almeno per ora, sembra interessato a spendere tanto per averlo. Più fortuna hanno, invece, i modellini della nave da crociera che, con tutta probabilità, sono souvenire di vecchie crociere e non di quella fatale, eppure c'è chi è disposto a spendere fino a 140 euro per averli. Meno quotate sono le chiavi elettroniche delle cabine con un prezzo di massimo 29 euro.Sono quasi tutte senza offerte.

E intanto si comincia ad attrezzarsi anche per le operazioni di pompaggio del carburante dalle cisterne della nave Concordia, che dovrebbero partire entro le prossime 24 ore. Ad ufficializzarlo è stato il presidente di Costa, Pierluigi Foschi nel corso di un'audizione al Senato escludendo anche l'ipotesi di un ritorno alla navigazione della Concordia: “Riteniamo che il relitto non possa essere rimesso in esercizio – ha detto - l'assicurazione è pronta a dichiarare la perdita totale della nave”.

Quanto ai dispersi la ricerca nella parte sommersa della nava, è stata definitivamente sospesa. La decisione è stata presa dai soccorritori perche , poiché sono venute meno le condizioni operative di sicurezza.  E’ stato il commissario per l'emergenza, Franco Gabrielli ai familiari e alle ambasciate. Proseguiranno, invece, le ricerche nella parte emersa della Concordia per verificare alcune zone dello scafo e si continuerà a scandagliare in maniera ancora più mirata i 18 chilometri quadrati di mare perlustrati nei giorni scorsi. Mancano all'appello ancora 16 persone, mentre sono 17, uno dei quali ancora da identificare, i morti accertati del naufragio dello scorso 13 gennaio.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©