Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

''Rialzata entro l'alba''

Costa Concordia: notte di lavoro al Giglio.

In serata e' arrivato il ministro dell'Ambiente Orlando.

Costa Concordia: notte di lavoro al Giglio.
16/09/2013, 22:01

ISOLA DEL GIGLIO - I  tecnici impegnati nella rotazione della Costa Concordia lavoreranno tutta la notte con l'obiettivo di riportare il relitto in posizione verticale prima dell'alba. ''Andremo avanti ad oltranza per tutta la notte - ha assicurato - occuperemo anche le ore dopo la mezzanotte: le cose procedono come devono ma con tempi piu' dilatati'' ha dichiarato Sergio Girotto, responsabile del progetto di rimozione per il consorzio Titan-Micoperi. I tecnici prevedono che tra le 23 e la mezzanotte possa essere raggiunta la 'soglia' dei 22-24 gradi di rotazione. ''Poi - ha spiegato Girotto - terminera' la fase di tiraggio e iniziera' la fase di allagamento dei cassoni''. Gli undici cassoni posizionati sul lato emerso, infatti, hanno delle valvole che permettono il riempimento progressivo. Mano a mano che si accrescera' il peso della 'zavorra', la nave ruotera' fino a completare la 'corsa' di 65 gradi necessaria per tornare dritta. Allo stesso tempo i cassoni impediranno allo scafo di rovesciarsi dall'altra parte. ''Questa fase - prosegue Girotto - sara' nelle mani del salvage master Nick Sloane: tecnicamente potrebbe essere molto veloce ma non lo sara' perche' vogliamo che il relitto si appoggi gradatamente sulle piattaforme."

A meta' pomeriggio di quest'oggi l'operazione e' stata interrotta per un'ora perchè 8 tecnici specializzati sono saliti sul relitto per liberare la cosiddetta 'parte morta' di 4 cavi di acciaio, che rischiavano di intrecciarsi con gli altri. ''Abbiamo avuto un ritardo ma lo abbiamo risolto. Invece di dire 'bravi che vi siete premuniti' dite: perche' non avete calcolato anche la sfiga?' E' la logica di questo Paese'', ha detto Franco Gabrielli, capo della Protezione civile, parlando con i giornalisti.

Intanto in serata, al Giglio, e' arrivato, per una visita, anche il ministro dell'Ambiente Andrea Orlando. ''Non concentrerei - ha detto - l'attenzione su un'ora in piu' o in meno. E' come un'operazione a cuore aperto, se serve mezz'ora in piu' e' mezz'ora spesa bene''. 

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©