Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Prescritti invece altri due reati di cui era imputato

Costa Concordia: Schettino condannato per deturpamento di bellezze naturali


Costa Concordia: Schettino condannato per deturpamento di bellezze naturali
16/05/2018, 11:20

FIRENZE - La Corte d'Appello di Firenze ha condannato Francesco Schettino - l'ex comandante della Costa Concordia responsabile del naufragio della nave presso l'Isola del Giglio - al pagamento di 5000 euro di multa per violazione dell'articolo 734 del Codice Penale, cioè deturpamento o distruzione di bellezze naturali. Schettino non era in aula, ma in carcere dove sta scontando una pena a 16 anni di reclusione per la morte di 32 persone in quel naufragio. Nello stesso processo sono state dichiarati prescritti due reati: Non aver adottato tutte le misure idonee a salvaguardare i lavoratori sulla nave e non aver attuato le misure previste per le emergenze. Per il primo reato in primo grado Schettino era stato condannato a 3 mesi di reclusione e per il secondo reato era stato condannato a 15 giorni. 

Oltre alla condanna in sede penale, è stato disposto il pagamento del risarcimento danni alle parti civili (tra cui il Ministero dell'Ambiente, Legambiente ed Enpa) da quantificare davanti ad un Tribunale civile. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©