Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Un inconsueto bungee jumper

Costretta sulla sedie a rotelle, non rinuncia a lanciarsi

Quando l’handicap non rappresenta un limite

Costretta sulla sedie a rotelle, non rinuncia a lanciarsi
26/03/2012, 15:03

Sta ormai spopolando sul web il video che mostra una giovane donna canadese, Christine Rougoor, costretta su una sedie a rotelle in seguito ad un drammatico incidente in moto avvenuto qualche anno fa, praticare il bungee jumping nonostante il suo grave handicap. Christine è riuscita a realizzare un sogno che rincorreva da tanto tempo, sin da quando era ancora una bambina: vivere l’esperienza di uno sport estremo, al di là della problematicità legata alle sue condizioni fisiche. La ragazza è paralizzata dal 2008, anno in cui accadde la tragedia. Christine dopo l’incidente restò in coma per ben tre settimane e, meravigliosa coincidenza, il caso ha voluto che si svegliasse proprio il giorno di Natale. Che bella lezione ci arriva da una 24enne innamorata della vita, che riesce a godere di ogni giorno come di un dono prezioso! Christine ci ha dimostrato che la malattia si può vincere, che arrendersi alle proprie condizioni potrebbe equivalere a non vivere la vita al meglio delle proprie possibilità. La collaborazione con la 9 Lives Adventures è stata senz’altro determinante. Si tratta di un ‘associazione che si attiva proprio per consentire ai disabili di praticare sport estremi. Il lancio con l’elastico, avvenuto qualche giorno fa, è stata un’esperienza unica per la giovanissima Christine. Una volta su, era così entusiasta da volersi lanciare ancora. Da Whistler nella Colombia Britannica dove è stato filmato, il video ha ormai fatto il giro del mondo rendendo la sua protagonista un vero modello per quanti si trovano quotidianamente a dover far fronte a una situazione come la sua. E’ proprio vero che i limiti più grandi sono solo nelle nostre teste. Non possiamo che augurare il meglio a Christine e a chi come lei abbia voglia di misurarsi ogni giorno in nuove avvincenti sfide.

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©