Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Costringeva connazionali a prostituirsi, fermato nigeriano

In azione i carabinieri di Acerra travestiti da cacciatori

Costringeva connazionali a prostituirsi, fermato nigeriano
12/10/2017, 10:58

ACERRA - Accusato di sfruttamento della prostituzione, un nigeriano, di 29 anni, già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Acerra.

L’arresto è stato operato nell’ambito di una più vasta indagine sul fenomeno della prostituzione che ha interessato la zona rurale di Acerra, al confine con la provincia di Caserta; indagine che ha permesso ai militari di accertare che il 29enne obbligava quattro sue connazionali a prostituirsi.

Diversi i servizi di osservazione e appostamento effettuati, al riguardo, dai militari che si erano anche travestiti da cacciatori per non destare sospetti.

L’intervento dei carabinieri ha messo dunque la parola fine a quella che, oramai, era diventata una triste routine: accompagnava in auto le ragazze nella zona oggetto di indagini e le lasciava al margine della strada; poi si allontanava, intimando alle 4 di mettersi subito al lavoro e avvisandole che sarebbe tornato a fine giornata.

Al ritorno, con le buone o le cattive si appropriava dei soldi ricavati con il meretricio, come è stato accertato dai militari durante 10 giorni di osservazioni.

Poi il blitz dell’Arma che ha segnato la fine di un incubo per le quattro nigeriane

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©