Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Bertolaso: per emergenza gestiti 560 milioni di euro

Countdown Campania: il commissariamento scade il 31 dicembre


.

Countdown Campania: il commissariamento scade il 31 dicembre
30/07/2009, 17:07

E’ stato ufficializzato oggi l’elenco degli 11 comuni indicati da Guido Bertolaso per lo scioglimento, per non aver rispettato le indicazioni in materia di raccolta dei rifiuti. L’elenco, che già circolava ieri in via ufficiosa, non ha subito variazioni. Figurano, per il Napoletano, Giugliano, Nola, Qualiano ed Afragola, mentre per il Casertano compaiono Castelvolturno, San Marcellino, Aversa, Trentola Ducenta, Maddaloni, Casal di Principe e Casaluce. Bertolaso ha fatto anche sapere che, quando a dicembre si chiuderà l’emergenza rifiuti in Campania, ci saranno soltanto due anni di autosufficienza: se non si proseguirà lungo la linea del potenziamento della raccolta differenziata e nella realizzazione dei termovalorizzatori, compiti che spettano ai Comuni, la regione ricadrà nel baratro nel quale ha sguazzato per 15 anni. Non si sono fatte attendere le reazioni dei sindaci dei Comuni indicati per lo scioglimento, riportate dal Corriere della Sera. E’ sarcastico Francesco Nuzzo, da Castelvolturno: “Vogliono sciogliere il Comune? Mi fanno solo un piacere, venissero loro a gestire la difficile situazione in cui si vive qui”. Luciano Luciano, assessore all’ambiente di Aversa, si dice “esterrefatto ed indignato” per le dichiarazioni di Bertolaso. Per Giovanni Pianese, sindaco di Giugliano, “il governo centrale deve tanto a Giugliano, nel gioco del dare e dell’avere siamo noi i creditori”. Favorevole alla misura, invece, Ermete Realacci, responsabile Ambiente del Pd, per il quale “commissariare i comuni campani inadempienti sulla raccolta differenziata è un segnale di rigore necessario”.

IL COMMISSARIAMENTO finirà il 31 dicembre, assolutamente senza nessuna ulteriore proroga. “Su questo non ci sono e non ci possono essere dubbi”, ha dichiarato Bertolaso, durante l’audizione presso la Commissione di inchiesta sul ciclo dei rifiuti. “E’ impensabile, - ha continuato, - continuare con questa situazione emergenziale. Abbiamo messo a posto le cose”. Sullo smaltimento delle eco balle, il capo della Protezione civile ha aggiunto che “per il termovalorizzatore di Santa Maria la Fossa è tutto pronto. Possiamo avviarlo anche domani mattina ma, su questa iniziativa, deve essere d’accordo anche l’assessore all’Ambiente della Regione Campania, Walter Ganapini, secondo cui poteva bastare anche solo quello di Acerra e poi bruciare le eco balle nelle centrali Enel. Non posso ogni giorno, - ha concluso, - scontrarmi con le idee locali”. Con tre termovalorizzatori disponibili, stima il capo della Protezione civile, i “5.8 milioni di tonnellate affatto ecologiche” potrebbero essere smaltiti in dieci anni.

IMPREGILO, ha spiegato ancora Bertolaso, “vanterebbe 300 milioni di crediti per la gestione dei rifiuti in Campania. Noi le abbiamo chiesto altrettanto e su questa vicenda decideranno i giudici. Quanto poi al costo del termovalorizzatore di Acerra, lo stiamo quantificando in circa 300 milioni di euro che saranno naturalmente a carico della Regione Campania”. Soffermandosi sulla questione finanziaria, Bertolaso ha aggiunto che “nel corso del solo ultimo anno la struttura commissariale ha gestito 560 milioni di euro: 145 per investimento, 300 per spese correnti, 70 per il pagamento dei debiti pregressi che però in totale ammontano a più di un miliardo di euro. Sono 150 i milioni che la struttura del sottosegretario vanta nei confronti dei comuni ma per quest’anno forse ne avremo appena 9.6 milioni”.

“A NAPOLI, QUASI NESSUNO paga la tassa” per la raccolta della spazzatura. E’ l’accusa rivolta da Bertolaso agli utenti ed alle Amministrazioni inadempienti sulla raccolta differenziata e che quindi rischiano lo scioglimento (il deputato Pdl Gennaro Coronella lo ha chiesto anche per la Regione). Per quanto riguarda gli arresti per chi viene sorpreso ad abbandonare rifiuti ingombranti, nelle cinque province della Campania sono state fermate 879 persone e denunciate altre 579.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©