Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Oltre 500 persone durante le celebrazioni

Craxi, Hammamet pronta a celebrare l'anniversario


Craxi, Hammamet pronta a celebrare l'anniversario
13/01/2010, 21:01

HAMMAMET - La cerimonia per la commemorazione dei 10 anni dalla morte del leader socialista Bettino Craxi è considerata evento nazionale dal presiedente Ben Ali. Alla manifestazione saranno infatti presenti tre ministri italiani e, per l'occasione, la tomba di Craxi e le poche altre che riempiono il piccolo cimitero cittadino sono state "restaurate".  Nella piccola città tunisina sono previsti circa 500 estimatori che, tra venerdì e sabato, raggiungeranno tramite voli charter il luogo della commemorazione. In più ci sarà il ricordo particolare della famiglia di pescatori che forniva all'ex presidente del Consiglio l'acqua per lavarsi i piedi ed il the alla menta per rinfrancarsi dopo le sue lunghe soste medidative all'interno di un capanno appositamente costruito sulla spiaggia.
Saranno ovviamente presenti i familiari; sia la moglie Anna che i figli Stefania e Bobo. Attesi anche fedelissimi come Paolo Pillitteri, Carlo Tognoli, i sindaci della 'Milano da bere' e  i fedelissimi negli anni di governo a Roma, come
Gianni De Michelis.
Sull'Ansa si possono leggere anche le numerose dediche rilasciate dai vari "fan" sul librone bianco posizionato vicino alla tomba. Definizioni come "grande statista" e "
unico uomo di Stato che l'Italia abbia avuto" .
L'assenza eccellente ad Hammamet sarà il Premier Silvio Berlusconi; amico del leader dep Psi ed ovviamente favorevole alla celebrazione del primo ministro latitante. Del resto, grande segnale è data dalla presenza assicurata di ben 3 ministri (Franco Frattini, Maurizio Sacconi e Renato Brunetta) alla manifestazione organizzata dal presidente Ali.
Stefania Craxi proporrà un documentario dal titolo laconicamente inequivocabile "L'esilio". Sulla figuria craxiana, da quando la Moratti ha deciso per la via o la piazza commemorativa, si sono sprecati pareri (per lo più acrimoniosi e negativi) ma, al di la delle diatribe sul passato politico dell'ex capo del governo, c'è la famiglia di umili pescatori che, con le parole del membro più giovane, ricordano gli anni della latitanza del leader socialista "E' sempre stato gentile - racconta infatti mostrando una fotografia con Craxi in mezzo alla famiglia - andava al capanno a scrivere o a leggere, poi, prima di andarsene, passava da noi, si fermava per un thé e qualche chiacchiera. Poi ci chiedeva se poteva usare l'acqua della pompa per sciacquarsi i piedi".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©