Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Si tratterebbe di una trentina di firme in tutto

Cremona: indagine per firme false per Gabriele Albertini


Cremona: indagine per firme false per Gabriele Albertini
21/02/2013, 19:15

CREMONA - La Procura di Cremona ha aperto una indagine sulle firme raccolte per la candidatura a governatore della Lombardia di Gabriele Albertini. Più esattamente su una trentina di firme che sarebbero state copiate, pari pari, all'insaputa dei firmatari, da una delle schede per la raccolta firme per la lista Monti al Parlamento. La notizia è stata data dal sito "Cremona Oggi" e poi verificata da molti giornali. Per ora è indagato solo il certificatore della lista, ma non è escluso che l'indagine si possa allargare. 
Appresa la notizia, Albertini ha diffuso una nota, per spiegare la propria posizione: "La vicenda riguarderebbe irregolarità per 30 firme su un totale di 641 raccolte nella provincia di Cremona", fa sapere Albertini attraverso una nota. "Una volta di più esprimo tutta la mia fiducia sugli accertamenti che Digos e magistratura stanno compiendo. Qualora dovessero ravvisarsi responsabilità di ogni tipo, saremo inflessibili con tutti coloro che dovessero essere coinvolti  in questa vicenda. Mai come in questo momento lo slogan della mia campagna, 'zerocompromessi', deve rispondere alla domanda di serietà che i cittadini richiedono. Lo abbiamo promesso agli elettori, lo abbiamo chiesto ai candidati che hanno sottoscritto un codice etico, lo abbiamo richiesto con forza chiunque ha deciso di sostenere il nostro cammino. Non transigerò in nulla da questo impegno".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©