Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Un'altra possibile vittima della crisi economica in Veneto

Crisi, imprenditore suicida a Vicenza

Banca Popolare di Vicenza aderisce a Bancopass

Crisi, imprenditore suicida a Vicenza
11/03/2013, 19:00

Un imprenditore si è suicidato a Schio, un paesino vicino Vicenza, lanciandosi dal nono piano di uno stabilimento nella zona industriale dove aveva sede la ditta informatica che gestiva assieme ad un socio.

L'uomo aveva 47 anni, era sposato e padre di un bambino.

I primi tentativi di soccorso sono stati effettuati da dipendenti di uno studio dentistico, che si trova nella stessa palazzina dell'azienda informatica, ma per l'imprenditore non c'era più nulla da fare.

L'arrivo dei sanitari del Suem 118 non ha potuto fare altro che constatarne il decesso.

Sul suicidio stanno indagando i carabinieri di Schio. Al momento non si sa se il gesto estremo possa essere collegato a motivi economici-finanziari anche se questa sembra essere l'ipotesi più probabile visto che nelle stesse ore e sempre nello stesso paesino veneto si stavano celebrando i funerali di un altro imprenditore che la settimana scorsa si era tolto la vita, impiccandosi a causa della crisi economica.

Poche ore dopo la Banca Popolare di Vicenza, assieme ad altre otto banche, aderiva al progetto Bancopass, un  servizio messo a punto dall'Assolombarda per migliorare la relazione tra banca e impresa e per permettere alle aziende di ottenere con gli istituti di credito "un contatto facile e diretto, un migliore grado di conoscenza, tempi di risposta certi, un rapporto rapido anche se cambia il referente". 

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©