Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Confermata la rimozione del giudice Luigi Tosti

Crocifisso, unico simbolo ammesso nei pubblici uffici


Crocifisso, unico simbolo ammesso nei pubblici uffici
14/03/2011, 16:03

Il caso della rimozione dall’ordine giudiziario di Luigi Tosti, giudice di pace del Tribunale di Camerino che perse il posto per essersi rifiutato di tenere udienza, a causa della presenza del Crocifisso nelle aule di giustizia italiana, torna a far discutere. E al di là della conferma della rimozione dall’ordine del giudice Luigi Tosti, la’ttenzione si focalizza principalmente su quella che è la decisione delle sezioni unite civili della Corte di cassazione: nei pubblici uffici italiani, tra i quali rientrano anche le aule di giustizia, si può esporre solo il simbolo del Crocifisso e per esporvi simboli religiosi diversi “è necessaria una scelta discrezionale del legislatore, che allo stato non sussiste”. In altre parole, manca una legge apposita in materia. Nulla da fare, riporta il sito Cassazione.net, neppure sull’altra richiesta di Tosti. Infatti il simbolo ebraico accanto al Crocifisso non potrà essere esposto. Su questo punto i giudici con l’Ermellino hanno motivato che “è vero che sul piano teorico il principio di laicità è compatibile con un modello di equiparazione verso l’alto che consenta ad ogni soggetto di vedere rappresentati nei luoghi pubblici i simboli della propria religione, ma tale scelta legislativa, però, presuppone che siano valutati una pluralità di profili, primi tra tutti la praticabilità concreta ed il bilanciamento tra l’esercizio della libertà religiosa da parte degli utenti di un luogo pubblico con l’analogo esercizio della libertà religiosa negativa da parte dell’ateo o del non credente, nonchè il bilanciamento tra garanzia del pluralismo e possibili conflitti tra una pluralità di identità religiose tra loro incompatibili”. Fra l’altro, l’esposizione del Crocifisso nei Palazzi di giustizia, e negli uffici pubblici, può non essere avvertito come un pericolo per la libertà religiosa di chi non è cristiano.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©