Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dal 2007 cala del 19,9% l'occupazione tra i più giovani

Crolla il lavoro e anche il potere d'acquisto del 18%

Codacons: bisogna introdurre più efficaci sgravi fiscali

Crolla il lavoro e anche il potere d'acquisto del 18%
02/09/2012, 18:20

ROMA – Diminuiti nel secondo trimestre 2012,  di quasi un milione e mezzo di unità (-1.457.000) rispetto allo stesso periodo del 2007,  i giovani occupati, tra i 15 e i 34 anni,  passando da 7 milioni 333 mila a 5 milioni 876 mila, con un crollo del 19,9%. E' quanto emerge dal confronto dei dati Istat. Nell'ultimo anno la riduzione è stata di 230 mila unità.  Insomma sin da quando è iniziata la crisi gli under 35 sono stati colpiti direttamente, con un vero e proprio crollo dei giovani che possono contare su un posto di lavoro. Una tendenza confermata anche nel secondo trimestre del 2012, basti pensare che l'anno prima, tra aprile e giugno 2011 gli occupati 15-34enni erano ancora in grado di superare la soglia dei sei milioni (6.106.000). Allo stesso, invece, sempre dai dati Istat emerge una tendenza opposta per gli occupati nella classe d'età tra i 55 e i 64 anni, che sono aumentati del 26% nell'arco di cinque anni, dal secondo trimestre del 2007 al 2012. Nel dettaglio, gli occupati più adulti (55-64 anni) sono saliti di 626 mila unità, passando da 2 milioni 403 mila del 2007 a 3 milioni 29 mila del 2012. Nel giro di un solo anno, dal secondo trimestre del 2011 allo stesso periodo del 2012, il rialzo è stato di 226 mila unità (+8%).

AGGIORNAMENTO ALLE ORE 18:20 DI EMANUELE DE LUCIA

Il Codacons inoltre lancia l'allarme di un forte crollo del potere d'acquisto, che va di pari passo con il crollo dell'occupazione. "Si registra una pesantissima perdita del potere di acquisto, che si attesta a quota -18% dal 2007 a oggi - spiega il presidente del Codacons Carlo Rienzi -. Siamo di fronte a una vera e propria emergenza sociale. I giovani assieme agli anziani sono coloro che pagano il prezzo maggiore della crisi economica e dei rincari che negli ultimi anni hanno travolto il paese, subendo un progressivo impoverimento aggravato dalle difficoltà nel trovare un'occupazione stabile, situazione che ha ridotto drasticamente la loro capacità di acquisto". Il Codacons chiede al Governo di introdurre nuovi e più efficaci sgravi fiscali e incentivi in favore di quelle imprese che assumono lavoratori under 35, allo scopo di far rientrare l'emergenza occupazionale e frenare il drastico calo del potere di acquisto che ha colpito negli ultimi anni i giovani italiani. Anche il segretario della Uil Luigi Angeletti usa parole dure: "In nove mesi questo governo ha fatto solo enunciazioni e non ha messo mano alla recessione". Per il segretario della Cisl Sergio Bonanni "c'è ancora la possibilità di intervenire riducendo il cuneo fiscale e tagliando i costi della politica". 

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©