Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Superstite: "Scricchiolii da tempo"

Crollano due palazzine a Palermo, 2 morti e tre dispersi


Crollano due palazzine a Palermo, 2 morti e tre dispersi
18/12/2012, 07:47

E' di Antonino Cina', 54 anni, il secondo corpo estratto dalle macerie delle palazzine crollate la scorsa notte a Palermo in via Bagolino, dove era stato gia' recuperato il cadavere di Ignazio Accardi, 82 anni. Risultano ancora disperse Maria La Mattina, 80 anni, moglie di Accardi, e Elena Trapani, 74 anni, zia di Cina'.

Nel crollo sono rimaste ferite alcune persone, che non sono gravi: poco prima del cedimento, gli abitanti si erano allarmati per i forti rumori che lo preannunciavano e avevano chiamato i vigili del fuoco. Le palazzine sono venute giu' mentre erano in corso le operazioni di sgombero delle sette famiglie li' residenti.

Il crollo si e' verificato nella tarda serata di ieri. Ancora da accertare le cause del cedimento strutturale dei due edifici, su uno dei quali era stata recentemente realizzata una sopraelevazione che aveva aggiunto un quarto piano alla palazzina. Secondo quanto ricostruito, i residenti da qualche tempo lamentavano di sentire scricchiolare i pavimenti e i muri.

"Da un anno avevano costruito un quarto piano e la casa si era riempita di crepe e si sentivano continui scricchiolii. Oggi i rumori hanno fatto preoccupare più del solito e abbiamo chiamato i Vigili del fuoco, che ci hanno fatto immediatamente sgombrare. Qualche minuto dopo è venuto giù tutto". E' il racconto di Giuseppina Ferrara, che con la sua famiglia viveva al terzo piano di una delle due palazzine crollate ieri sera a Palermo. "Il palazzo si è sbriciolato e ha trascinato con se anche la palazzina vicina - continua la donna - io con la mia famiglia e le due famiglie dello stesso palazzo siamo riusciti a metterci in salvo. Non so nulla invece degli abitanti dell'altro immobile". I vigili del fuoco scavano tra le macerie per vedere se qualcuno vi sia rimasto sepolto.

 

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©