Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Più di cinquanta persone sfollate. Allertati gli alberghi

Crollo a Conversano. Inagibili dieci palazzine

Trovati i corpi della famiglia olandese

Crollo a Conversano. Inagibili dieci palazzine
07/06/2012, 18:06

CONVERSANO (BARI) - Alle 8:45 sono crollate due vecchie palazzine nel centro storico di Conversano, in provincia di Bari. E' molto probabile che il crollo sia dovuto all'esplosione di una bombola di gas in una delle due palazzine di via Zingari. I vigili del fuoco hanno raggiunto il posto e tra le macerie sono intervenuti con piccole ruspe, ma ora stanno operando a mani nude alla ricerca dei dispersi. Forte è l'odore del gas metano sprigionato dall'esplosione. Una delle due palazzine era disabitata, ma si stanno effettuando ulteriori controlli, dal momento che era in vendita.
Per ora il bilancio dei feriti è di dieci adulti e un bambino. Si tratta di persone delle palazzine adiacenti e qualcuno che si trovava in quel momento per strada. Non sono in condizioni gravi, secondo quanto dichiarato dall'assessore regionale alla Protezione civile Fabiano Amati. Alcuni hanno fatto ricorso alle cure dei sanitari a causa dell'onda d'urto o perché feriti dalle schegge dei vetri delle finestre in frantumi. Le prime due persone estratte dalle macerie sono un una coppia di origini albanesi. I vigili del fuoco stanno ancora cercando la loro figlia che viveva con i genitori in una delle palazzine crollate. I soccorritori stanno anche cercando una coppia di olandesi e la loro bambina di 18 mesi che erano arrivati a Conversano per trascorrere qualche giorno di vacanza in un appartamento di una delle due palazzine.
"Si tratta di una fuga di gas che ha provocato conseguenze importanti - ha spiegato il sindaco di Conversano Giuseppe Lovascio arrivato sul posto -. Finora solo feriti non gravi, ma si teme che ci siano persone sotto le macerie. Una delle palazzine era disabitata perché in vendita. L'altra purtroppo no, stiamo cercando di capire se gli inquilini fossero in casa o no. Speriamo davvero che non ci sia nessuno. I feriti sono abitanti delle case adiacenti".

AGGIORNAMENTO ORE 17:05

Sono stati ritrovati senza vita i corpi della famiglia italo-olandese dispersa nel crollo delle due palazzine di Conversano. Erano sotto le macerie le tre vittime dell'esplosione di stamattina. I soccorritori le hanno trovate in pigiama sul letto. La palazzina è crollata immediatamente accartocciandosi. Secondo i soccorritori, la loro morte è stata istantanea. Bernardino Vitto di 32 anni, figlio di emigrati di Conversano faceva il cineoperatore per un gruppo multimediale olandese e gestiva anche una pizzeria in Olanda ad Harlingen con la compagna e il figlio di 18 mesi. I tre si sarebbero recati oggi allo Zoo safari di Fasano. Erano arrivati martedì scorso per una vacanza di una settimana e per far conoscere i parenti al figlioletto. Sarebbero morti per lesioni da schiacciamento. Sul cadavere di Bernardino sono state trovate evidenti tracce ipostatiche, traumi da schiacciamento sul piccolo Gianni Angelo.
I soccorritori in un primo momento hanno sperato che la famiglia fosse già uscita di casa, ma quando hanno visto l'auto parcheggiata, hanno cominciato a temere il peggio. Il cellulare del capofamiglia ha squillato a lungo e poi le ricerche hanno dato l'esito ormai temuto. Per gli altri residenti della palazzina crollata e di quelle adiacenti cominciano ora i problemi. Sono una cinquantina le persone rimaste senza casa perché sono state sgomberate le abitazioni vicine alle palazzine crollate. "Su richiesta del Comune di Conversano, a supporto dell'Ufficio tecnico comunale - ha spiegato l'assessore Amati - un pool di tecnici del Genio civile della Regione Puglia e dell'Autorità di bacino della Puglia si stanno recando sul luogo del crollo per eseguire le verifiche di stabilità sugli edifici dell'agglomerato, al fine di stabilire l'agibilità o meno". Il comandante dei vigili del fuoco di Bari Cesare Gaspari ha spiegato che "il crollo è stato dovuto quasi sicuramente a esplosione di gas. Gli effetti sono evidenti, addirittura le pareti sono state proiettate contro l'edificio che stava di fronte provocando lo sfondamento di una parete. Si pensa sia stato gpl perché è stata trovata una bombola collegata a una cucina. La bombola era aperta, la cucina era chiusa. Ora si deve vedere se la conduttura era ancora integra, in regola oppure no. L'innesco può essere avvenuto per una qualsiasi ragione, da un frigo come da un campanello".

AGGIORNAMENTO ORE 18: 49
Dopo l’esplosione della bomba a gpl che ha causato il crollo di due palazzine,gravi lesioni in una terza e numerose vittime, sono dieci le palazzine che sono state dichiarate inagibili dai vigili del fuoco e dall’ufficio tecnico del Comune di Conversano. A comunicarlo è stato il sindaco Giuseppe Lovascio rendendo noto che sono circa una cinquantina le persone che sono state sfollate sia per problemi alle loro abitazioni sia per motivi di precauzione. Gli alberghi della zona sono stati allertati dal Comune in modo tale da poter garantire la massima ospitalità. Non poche le famiglie che si stanno orientando per l’accoglienza in case di parenti. Attesi anche tecnici del Genio Regionale e della Protezione civile per le verifiche di agibilità.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©