Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Non c'è pace nel sito archeologico di Pompei

Crollo nella notte di due pareti non affrescate


Crollo nella notte di due pareti non affrescate
01/12/2010, 11:12

POMPEI- Nuovo crollo nell’area archeologica di Pompei nella notte, infatti, si sono staccate altre due pareti che però, secondo le prime informazioni, non sarebbero affrescate. Si tratta di un muretto divisorio  di due ambienti in Via Stabiana, ed un secondo muretto di 1-2 metri, che era nell'accesso ad un ambiente di servizio laterale della casa del Lupanare piccolo, da non confondere con i Lupanari affrescati. In merito al crollo della viminata a gradini posta a protezione della scarpata che ha determinato il crollo del muro perimetrale nord del giardino della casa del Moralista, intanto, i carabinieri della compagnia di Torre Annunziata hanno sequestrato la documentazione ed hanno avvitato delle indagini. Ormai gli episodi di degrado della città antica di Pompei si contano di giorno in giorno con  quest’ultime raggiungono quota cinque dopo il muro del vicolo di Ifigenia, la frana dei Casti amanti, la Schola armaturarum, che era ricaduta anche sulla bottega del vasaio nel vicolo adiacente e l’attuale  viridarium del Moralista, una domus dove è in corso un cantiere di restauro e in parte delle stanze sono depositate le attrezzature dell'iniziativa "Le lune di Pompei" anche se i responsabili del sito fanno sapere in una nota che nessun pericolo si ravvisa per la casa del Moralista stessa. I militari  ieri sono stati  impegnati tutto il giorno nel sequestro, oltre che dell'area degli smottamenti, anche dei  registri dove i custodi annotano le variazioni notate nei loro giri di perlustrazione nel sito archeologico. Adesso si teme per il retro di via dell'Abbondanza, anche perché se sono le piogge le nemiche principali di questi edifici storici le previsioni non lasciano adito a dati positivi sulla temperatura dei prossimi giorni.

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©