Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Crollo Riviera di Chiaia. Chiosi: "nessuno sciacallaggio. Semplici constatazioni"


Crollo Riviera di Chiaia. Chiosi: 'nessuno sciacallaggio. Semplici constatazioni'
05/03/2013, 15:23

<<Se stare sul posto del crollo fino a notte con gli sfollati e provvedere anche al loro rifocillamento con pasti caldi significa fare dello sciacallaggio politico - dichiara il Presidente Chiosi - allora sono fiero di essere il primo sciacallo. Così come se far notare, nuovamente, che la Riviera non può reggere il traffico pesante causato dalla chiusura di Via Caracciolo, aggravato dalla presenza dei cantieri della Metropolitana, significa fare dello sciacallaggio, allora confermo di essere uno sciacallo.
Al di là delle polemiche dell'amministrazione comunale - commenta il Presidente - purtroppo va segnalato che gli sfollati sono ancora in strada e che in questa situazione il Comune dovrebbe ricorrere al debito fuori bilancio, stavolta sì in maniera necessaria, per assicurare un tetto ed i pasti alle persone che sono fuori casa. E mi auguro che lo faccia in giornata per evitare un'altra notte all'aperto. Intanto - prosegue Chiosi - ho segnalato il pericolo di crolli, nuovamente, alle Rampe Lamont Young ed in Via San Carlo alle Mortelle. Zone delicatissime già soggette a crolli, smottamenti e voragini a causa delle infiltrazioni d'acqua. Ho chiesto di attivare controlli urgenti sulla statica degli edifici al fine di evitare eventuali nuovi disastri.
La Municipalità - conclude Chiosi - collabora per la soluzione dei problemi nel primario interesse dei cittadini. Ma nessuno mi impedirà di dire come la penso e di essere coerente con quanto dichiarato fino ad ora.
Un ringraziamento particolare ai ristoranti di Via Partenope, Hascè, Antonio & Antonio e Luise, che ieri sera su mia richiesta hanno inviato pasti caldi agli sfollati mostrando grande sensibilità e solidarietà>>.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati