Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

CROTONE, GRAVI MA STAZIONARIE LE CONDIZIONI DI SALUTE DEI GIOFFRE'


CROTONE, GRAVI MA STAZIONARIE LE CONDIZIONI DI SALUTE DEI GIOFFRE'
29/12/2008, 16:12

 

Sono sempre gravi, ma stazionarie, le condizioni di Giuseppe Gioffre', 51 anni, e del figlio A., 17 anni, feriti a colpi di pistola in un agguato avvenuto nella notte tra sabato e domenica scorsi in via Aldo Moro, a Bovalino, nel Reggino. La famiglia Gioffre', originaria di San Luca, vive danni a Torino, dove Giuseppe e' titolare di una azienda di carpenteria, mentre il figlio e' uno studente. Da alcuni giorni padre e figlio, assieme ad altri familiari, si trovavano in Calabria per trascorrere le feste natalizie e di capodanno. Secondo gli inquirenti le persone che hanno sparato hanno compiuto un agguato di 'ndrangheta in piena regola, che comunque non ha alcun legame con la faida si San Luca. I due si trovano ricoverati nell'ospedale di Locri, dove sono stati sottoposti a delicati interventi chirurgici. Le loro condizioni sono gravi, ma dalla scorsa notte stazionarie. I carabinieri del gruppo di Locri seguono tutte le piste per cercare di fare luce sull'agguato. Giuseppe Gioffre' e' noto alle forze dell'ordine per reati di associazione mafiosa, estorsioni e stupefacenti, mentre il figlio non ha alcun precedente.

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©