Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Coisp lancia l’allarme all'Interno citando alcuni decessi

Crotone, scorie pericolose usate per l’edilizia pubblica


Crotone, scorie pericolose usate per l’edilizia pubblica
29/09/2009, 03:09

Oltre 9 anni di indagini per appurare, con l’operazione “Black Mountain”, che dietro alcune costruzioni pubbliche di Crotone si nascondono potenziali, terribili pericoli. Scorie radioattive, per 350mila tonnellate. Mischiate ai materiali edilizi, per costruire, tra l’altro, i piazzali di tre scuole, i parcheggi di attività commerciali e la pavimentazione di una delle banchine del porto, oltre al piazzare su cui sorge la Questura.
L’allarme era stato già lanciato attraverso diverse interrogazioni parlamentari e riguardava proprio la natura delle scorie utilizzate, altamente tossiche ed inquinanti. A creare maggiore preoccupazione, una circostanza inquietante: come riportato dal Coisp (coordinamento per l’indipendenza sindacale delle forze di polizia), negli ultimi anni alcuni agenti in servizio presso la Questura sono morti per tumori fulminanti. Alla luce della scoperta dell’esistenza delle scorie tossiche, per il momento non è possibile escludere un nesso con i decessi.
“Appare necessario e non procrastinabile, - chiede il Coisp in un comunicato al ministero dell’Interno, - un immediato intervento di codesto Dipartimento al fine di reperire immediatamente un nuovo edificio adatto ad ospitare la Questura di Crotone, la quale deve essere ovviamente chiusa fino al completamento dei lavori di bonifica”.
“La gravità della situazione, - continua il comunicato, - appare tale da non consentire alcun ritardo nell’azione di tutela della salute degli operatori della Polizia di Stato di Crotone, i quali devono essere immediatamente sottoposti a screening sanitario onde accertare l’eventuale insorgenza di gravi malattie e poter adottare ogni necessaria precauzione a salvaguardia dell’incolumità personale”.
Diciotto aree sono state sottoposte a sequestro preventivo nei territori di Crotone, Isola Capo Rizzuto e Cutro.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©