Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Proposta di chiusura del fascicolo chiesto dal Pm Fiorillo

CSM: nessun bisogno di tutela sul caso Ruby


CSM: nessun bisogno di tutela sul caso Ruby
11/01/2011, 17:01

ROMA - Secondo la Prima Commissione del Consiglio Superiore della Magistratura, il Pm della Procura dei Minori di Milano, Annamaria Fiorillo, non ha bisogno dell'apertura di una pratica di tutela, come da lei richiesto, in merito alle dichiarazioni rese sulla vicenda Ruby dal Ministro dell'Interno Roberto Maroni. Sono queste le conclusioni che verranno presentate al Plenum, insieme alla richiesta di archiviazione.
La vicenda nasce quando Maroni si recò in Parlamento e disse che la Fioroni aveva acconsentito a lasciar andare la minorenne "Ruby Rubacuori" - arrestata per furto - con l'igienista dentale del premier e consigliere regionale Nicole Minetti. Una procedura impropria, che il magistrato non aveva assolutamente autorizzato ma che era stata decisa dal personale di servizio della Questura in risposta ad una telefonata del Presidente del Consiglio che esigeva l'immediata liberazione della ragazza. Per questo la Fiorillo aveva chiesto l'apertura di un fascicolo a tutela della propria onorabilità sul lavoro. Ma secondo la richiesta di archiviazione, l'onorabilità del magistrato non è stata messa in discussione, perchè il Ministro ha parlato comunque in tono pacato e si è limitato a presentare una versione diversa, ad ovvia difesa del personale di Polizia. Certo, le discrepanze esistono, ma non bastano a giustificare una pratica a tutela per una indagine che esula dalle competenze del CSM.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©