Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il premier aveva definito il Pm "famigerato"

Csm: sì a pratica di tutela per De Pasquale ingiuriato da Berlusconi


Csm: sì a pratica di tutela per De Pasquale ingiuriato da Berlusconi
09/02/2011, 13:02

ROMA - Il Csm tutela la posizione del Pubblico Ministero di Milano Fabio De Pasquale insultato dal Presidente del Consiglio, che il 29 settembre scorso l'aveva definito "famigerato" e l'aveva accusato di aver provocato la morte di un arrestato. la decisione è avvenuta a maggioranza, con 19 voti favorevoli, 2 contrari e 2 astenuti. I quattro voti non favorevoli sono stati dei consiglieri "laici" del Pdl: Bartolomeo Romano e Filiberto Palumbo hanno votato no, Annibale Marini e Nicolò Zanon si sono astenuti.
Secondo il documento Berlusconi fa delle accuse di parzialità al Pm milanese e "le fa assurgere a prova dell'esistenza di un preteso e non dimostrato accordo tra i giudici di sinistra per sovvertire il risultato delle elezioni. In altre parole il riferimento a condotte asseritamente illecite del dottor De Pasquale è l'occasione per denigrare l'intera magistratura minando in tal modo, per la fonte da cui provengono e per la loro diffusibilità, la fiducia dei cittadini nei confronti dell'ordine giudiziario".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©