Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

CSPN: NAPOLI E LE NUOVE BAINLIEU


CSPN: NAPOLI E LE NUOVE BAINLIEU
23/10/2008, 12:10

Il Vice Presidente del Centro Studi Polizia Nuova, Pasquale Di Maria, ci comunica quanto segue: "Il Centro Studi Polizia Nuova segnala che a Napoli esistono zone a fortissimo degrado sociale dove, a causa della mancanza di regole, del forte degrado ambientale, provocato dal FORTE degrado Politico-istituzionale, a cui si associa quello economico e sociale, si sono formate vere e proprie sacche di illegalità micro e macro economiche, comunitarie ed extracomunitarie, che vede i circondari come quella di Porta Capuana, Piazza San Francesco,  Via Concezio Muzii, Piazza Enrico de Nicola essere diventati veri e propri ordigni sociali pronti ad innescarsi alla prima scintilla.
La causa di tutto questo è la totale mancanza delle Istituzioni che nulla
hanno fatto per poter diffondere la legalità, il senso civico, il rispetto
delle Leggi e delle regole.
Zone in cui si respira il disagio, l’insofferenza e la sofferenza dei tanti extracomunitari, per la maggior parte irregolari, dediti a sbarcare il lunario in qualsiasi modo e nell’attesa dedicarsi a stazionare bevendo, come in Via Poerio ad angolo con Piazza Garibaldi.
Una situazione insostenibile sia a livello sociale che a livello sanitario che sta per diventare un vero e serio problema.
Se non affrontato potrebbe causare pericoli di elevata potenza al pari delle bainlieue francesi.
I primi segnali sono già giunti, segnali preoccupanti che nessuna istituzione, sembra, voglia accorgersene se non intervenire, poi, quando tutto è accaduto e gestirlo, come al solito, in emergenza.
Sono responsabilità gravissime, dove di fronte a diversi tipi e stili di vita, l’attuale panorama sociale ed economico viene travolto e stravolto dal degrado politico ed istituzionale.
Inutile risulterebbe l’impiego delle Forze di Polizia, ridotte al lumicino, anzi al lastrico, che sicuramente non possono svolgere il ruolo delle Istituzioni e non possono poi essere impiegate per risolvere quel che di dannoso è già accaduto.
L’impiego delle Forze di Polizia potrebbe diventare l’ennesima scusa di qualcuno per fare l’ennesima campagna elettorale criminalizzatrice che la vedrà attaccata da quelle Istituzioni che dovrebbero metterle in grado di potere espletare i propri compiti di prevenzione e repressione dei reati. La Politica napoletana, e non solo, non può risolvere i suoi fallimenti trasformando, come al solito, un problema politico in un problema di Polizia.
Le Forze di Polizia non possono, di fronte a questo scenario di disperazione ed esasperazione, diventare, come sempre, la solita valvola di sfogo dei problemi sociali.
Le Istituzioni, la Politica, si muovano per affrontare e risolvere questa vera e propria polveriera, altrimenti altri cadaveri di neonati extracomunitari continueranno ad essere abbandonati nella spazzatura".    

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©