Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Da Betlemme a Scampia, allo scoperta dei tesori di Napoli


Da Betlemme a Scampia, allo scoperta dei tesori di Napoli
07/12/2009, 15:12


NAPOLI - Organizzato dall’Associazione Siti Reali in collaborazione con l’Archivio di Stato di Napoli, l’appuntamento con gli operatori dell’Associazione è sabato 12 dicembre alle 10,00 in piazzetta Grande Archivio, dove si trova l’ingresso principale dell’istituto.
La visita condurrà alla scoperta degli inestimabili tesori che il complesso custodisce, oltre che delle sue secolari vicende. Sede centrale dell’Archivio di Stato di Napoli è infatti da 150 anni il complesso monumentale dell' antico monastero benedettino dei SS. Severino e Sossio, la cui fondazione è legata alla presenza in città - fin dal IX sec. - dei benedettini.
Con la soppressione, avvenuta nel 1799 per sospette simpatie dei monaci nei confronti delle idee rivoluzionarie, il monastero ebbe molteplici destinazioni, fino ad essere scelto nel 1808 come sede del nuovo “Archivio Generale del Regno”, nato per riunire in un medesimo locale gli antichi archivi delle istituzioni esistenti fino all’arrivo di Giuseppe Bonaparte a Napoli nel 1806.
Prima tappa dell’appuntamento riguarderà la visita agli ambienti dell’istituto, con i suggestivi chiostri - fra i quali il chiostro del Platano, affrescato da Antonio Solario detto lo Zingaro all’inizio del Cinquecento - le sale monumentali - quella del Capitolo, ora Sala Catasti, e il Refettorio, ora Sala Filangieri, entrambe affrescate da Belisario Corenzio agli inizi del Seicento. Inoltre si avrà la possibilità di visionare antichi documenti raramente esposti al pubblico, come il Codice di Santa Marta preziosamente miniato.
In questa affascinante cornice, ricca di storia e arte, si svolgerà anche la seconda tappa dell’appuntameno: i visitatori potranno assistere a letture di brani, tratti da diversi testi, sul tema della festività e del Natale, adattati ed interpretati da Francesca De Nicolais.
Alla fine della mattinata ai partecipanti sarà offerto un dono goloso.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©