Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

Da giovedì a Napoli il Festival del Cinema omosessuale


Da giovedì a Napoli il Festival del Cinema omosessuale
27/10/2009, 11:10


Dal 29 ottobre al 1 novembre Napoli ha i colori rainbow con il Festival di Cinema Omosessuale e Questioning “Omovies”, che si svolgerà presso il cinema Academy Astra, con ingresso libero per tutti i film. Omovies, la cui prima edizione si è conquistata il titolo di Evento gay dell’anno, è ideato da Carlo Cremona e Marco Taglialatela, con la programmazione curata da Massimiliano Palmese. “Quest’anno il Festival capita in un momento difficile per la Campania e per tutto il paese, a causa delle sempre più frequenti aggressioni a danno di gay, lesbiche e transgender. – afferma Cremona, e continua - Noi siamo convinti che l’omofobia si combatte con leggi ad hoc ma anche con la cultura. Omovies è uno dei pochi prodotti culturali del suo genere al Sud, e vuole essere un’attrazione per tutti quelli che hanno voglia di vedere un cinema differente, stando insieme e confrontandosi in modo sereno e libero da pregiudizi”. Il Festival, in collaborazione con la Mediateca Santa Sofia, è per la prima volta servizio dell’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Napoli: un traguardo importante per l’associazione i Ken, che lo ha ideato, che ha sempre trovato nella cultura un grande momento non solo ludico ma anche di confronto e riflessione. Ad aprire la manifestazione con il suo saluto e incoraggiamento ci sarà, infatti, il primo cittadino napoletano On. Rosa Russo Iervolino che afferma “È un impegno, questo del Comune, non nuovo. Un impegno che ritengo doveroso perchè per la nostra Carta Costituzionale è fondamentale il principio del rispetto pieno ed assoluto della dignità di ogni persona umana. Per il riconoscimento di tale principio, che in questo momento nei confronti dei transessuali, dai gay e delle lesbiche è stato più volte violato, siamo disposti ad impegnarci fino in fondo”.
Testimonials della manifestazione l’ex deputata parlamentare Vladimir Luxuria e l’eccentrico regista partenopeo Pappi Corsicato: la prima in veste di presidente di giuria del concorso di cortometraggi indetto dal Festival, il secondo protagonista di una retrospettiva, la prima napoletana dedicata all’artista. Entrambe le sezioni rappresentano le novità della II edizione del festival, insieme ad una programmazione tutta dedicata al cinema italiano. L’inaugurazione della rassegna è affidata ad un classico, “Una giornata particolare” capolavoro di Ettore Scola (29 ottobre, ore 18) ambientato nell’Italia fascista, con Sofia Loren casalinga frustrata e Marcello Mastroianni nel ruolo di un omosessuale in partenza per il confino: il film darà l’occasione per intavolare un dibattito sulla recente ondata di episodi omofobici nel paese, che coinvolgerà figure politiche ed importanti esponenti della comunità gay italiana nel corso della 4 giorni. Seguirà alle ore 22 “Sogno il mondo il venerdì” di Pasquale Marrazzo. Nella seconda giornata, dedicata alle donne, sarà proiettato “Senza fine” di Roberto Cuzzillo (30 ottobre, ore 20) e “L’amore e basta”, documentario di Stefano Consiglio (ore 22) selezionato dall’ultima Mostra del Cinema di Venezia: storie “normali” di coppie omosessuali presentate da Luca Zingaretti. Sabato 30 ottobre si aprirà con la pellicola “Il primo giorno d’inverno” di Mirko Locatelli (31 ottobre, ore 20), a seguire l’anteprima napoletana de “Il compleanno” di Marco Filiberti ( ore 22), con Maria de Medeiros, Alessandro Gassman, Massimo Poggio e Thyago Alves, altro inedito passato per Venezia 2009. La chiusura della rassegna è affidata al film “Ciao” (1° novembre, ore 23) del malese Yan Tan che ha come attore e co-sceneggiatore Alessando Calza. La Retrospettiva, proporrà i quattro lungometraggi di Pappi Corsicato: il film d’esordio “Libera” (29 ottobre, ore 20.30), Nastro d’Argento Migliore opera prima, il più recente “Il seme della discordia” (30 ottobre, ore 18), con Caterina Murino, Alessandro Gassman e Martina Stella, quindi “Chimera” (31 ottobre, ore 18), con Iaia Forte e Tommaso Ragno, e in chiusura il visionario “I buchi neri” (1° novembre, ore 18). Il Concorso di Cortometraggi, in collaborazione con la Mediateca Santa Sofia di Napoli, sarà protagonista dell’ultima giornata del Festival (1° novembre, dalle ore 20) durante la quale verranno proiettati i venti cortometraggi selezionati dagli organizzatori, e premiati dalla giuria che, oltre da Luxuria, è composta da Sandro Dionisio (regista), Cristina Donadio (attrice), Claudio Grimaldi (sceneggiatore e casting), Claudio Finelli (critico), Francesco Napolitano (Mediateca Santa Sofia), e Cristina Gramolini (Arcilesbica). In palio il Premio Omovies, per il miglior cortometraggio a tematica omosessuale e questioning, il Premio Mediateca Santa Sofia, a un lavoro da proiettare all’interno della rassegna napoletana ‘o Curt, e il Premio Arcilesbica. OMOVIES è un progetto dall’Associazione i Ken Onlus, ed è sostenuto dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Napoli . Il Festival ha anche il Patrocinio dell’Assessorato alle Pari Opportunità e Politiche Sociali della Regione Campania, e quello del Coinor.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©