Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Il Codacons e Di Pietro chiedono che diventi obbligatorio

Da lunedì test antidroga volontario per i parlamentari


Da lunedì test antidroga volontario per i parlamentari
04/11/2009, 10:11

ROMA - A partire da lunedì fino al venerdì 17 dicembre - quindi per sei settimane - i parlamentari che lo vorranno potranno recarsi al Dipartimento per le politiche antidroga della presidenza del consiglio, con sede a Roma in via della Vite 13, per fare l'analisi delle urine alla ricerca di droga. Per chi lo vuole, c'è anche la controprova mediante esame del capello. Lo ha annunciato il Sottosegretario Carlo Giovanardi.
L'iniziativa è lodevole, ma poco utile, visto che l'esame delle urine vale se l'assunzione è stata nel giro di pochi giorni prima dell'esame; altrimenti i metaboliti (cioè le sostanze che vengono espulse) hanno tutto il tempo di svanire. L'esame del capello invece è estremamente più utile, visto che consente di risalire fino a sei mesi prima. Ma Antonio Di Pietro, leader dell'Italia dei Valori, parlando alla trasmissione "Il fatto del giorno", su Canale 5, ha rilanciato l'idea del test antidroga obbligatorio per parlamentari ma anche per futuri candidati allo scranno a Montecitorio o a Palazzo Madama. E il Codacons ha in programma di organizzare una raccolta firme per una legge che renda i test antidroga obbligatori.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©