Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Lo yacht "Ad maiora" costava 50 mila euro a stagione

Daccò conferma: "Formigoni non mi ha mai restituito nulla"


Daccò conferma: 'Formigoni non mi ha mai restituito nulla'
26/05/2012, 14:05

MILANO - Alla fine il faccendiere Pierangelo Daccò ammette: ho pagato io le vacanze a Formigoni. Il muro di "non so, non ricordo" che aveva alzato, è crollato di fronte alle dichiarazioni del marinaio dello yacht Ad Maiora, che ai magistrati milanesi ha dichiarato che ogni anno, da giugno a settembre, l'imbarcazione era a disposizione del governatore della Lombardia Roberto Formigoni. E Daccò, messo di fronte all'evidenza dei fatti non ha potuto negare. Però ha detto che non ha mai ricevuto alcun rimborso da Formigoni, anche se i costi erano elevati: da 30 a 50 mila euro per ogni stagione estiva più le spese del personale. Lo stesso dicasi per le vacanze invernali: negli ultimi tre anni Formigoni è andato in un resort alle Antille a passare i capodanni, ma i conti li ha saldati Daccò. E non si parla di conti soft: 100 mila dollari per un jet privato, una fattura - che i magistrati hanno recuperato - da 50 mila dollari solo per le vacanze 2011. Una fattura che Daccò ha riconosciuto e che è stata saldata dalla sua società Eurosat Telecommunication Ltd, con sede in Irlanda. Ma, ha specificato, senza che mai Formigoni gli abbia restituito un centesimo. Nè per i viaggi nè per i soggiorni.
Il Presidente della Regione Lombardia sta accusando i giornali di fare gossip, che non è certo un reato buttare le ricevute dopo averle pagate. E in questo ha ragione. Ma siamo sicuri che le ha pagate lui? A questo punto, sembra certo il contrario. E questo non è gossip, per un uomo che ha una carica pubblica.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©