Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si tratterebbe di bonifici per decine di migliaia di euro

Dal conto "bunga bunga" soldi per la madre di Noemi Letizia


Dal conto 'bunga bunga' soldi per la madre di Noemi Letizia
02/02/2011, 10:02

MILANO - Già ieri avevamo parlato del conto corrente presso il Monte dei Paschi di Siena, sede di Segrate, in provincia di Milano, a due passi dalla sede della società immobiliare di Berlusconi Dolcedrago S.p.a., da cui il ragionier Spinelli o Silvio Berlusconi facevano i loro bonifici o prelevavano i soldi per le serate a luci rosse ad Arcore, ma anche per dare i soldi a Lele Mora attraverso Emilio Fede.
Ma non sono solo queste le spese che emergono. Di interessante ci sono alcuni versamenti, per un totale di decine di migliaia di euro, indirizzate alla signora Anna Palumbo Letizia. CIoè la madre di Noemi Letizia, la ragazza di Portici, in provincia di Napoli, per cui Berlusconi nell'aprile del 2009 mollò una visita al Salone dell'Arredamento a Milano per non mancare alla sua festa del diciottesimo compleanno a Casoria, sempre nel napoletano. All'epoca questo fatto scatenò la reazione irata di Veronica Lario, che per la prima volta, in una lettera mandata ai giornali, scrisse che il marito era malato e circondato di "giovani vergini che si offrono al drago", e così via. Poco dopo lo lasciò. Ed in effetti poi Noemi restò alle cronache per un po', anche perchè si scopri che aveva avuto diverse frequentazioni con il premier, comprese alcune cene in locali pubblici in cui, da minorenne, non si preoccupava di accompagnare l'attempato Presidente del Consiglio.Tuttavia, con questo sviluppo, restano due domande: come mai Berlusconi nel 2010 ha versato soldi - e non certo spiccioli - alla madre di Noemi? E come mai i versamenti avvenivano dallo stesso conto da cio venivano prelevati i soldi per pagare le altre ragazze che andavano abitualmente ai festini a luci rosse? C'è il rischio che si scopra che le voci di due anni fa trovino un amaro riscontro

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©