Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si prepara una posizione univoca verso Teheran

Dal G8 arriverà ferma condanna alla violenza in Iran


Dal G8 arriverà ferma condanna alla violenza in Iran
25/06/2009, 20:06

Proprio mentre il presidente iraniano Ahmadinejad si rivolge ad Obama chiedendo di evitare di ‘ficcare il naso’ in Iran ed in quello che sta accadendo dopo le contestate elezioni presidenziali, il ministro degli Esteri, Franco Frattini, fa sapere che una condanna all’ondata di violenza che ha travolto Teheran arriverà proprio dal G8 che inizierà stasera a Trieste. Si tratterà, fa sapere Frattini, di una dichiarazione che avrà il consenso di tutti i partecipanti, compresa la Russia. La questione, però, si concentrerà soltanto sui tumulti post elettorali, cercando di evitare ingerenze sulla gestione dell’Iran. Il documento, spiega Frattini, “al tempo stesso ricorderà che le procedure elettorali sono una questione iraniana e la nostra preoccupazione di medio termine è che si riprenda a parlare del programma nucleare iraniano”. Quella che si cerca, ha spiegato ancora il ministro degli Esteri, è una posizione concorde di condanna verso la violenza che si sta consumando in Iran, con gli scontri tra i sostenitori del candidato Moussavi e le milizie fedeli al presidente rieletto Ahmadinejad. Frattini si dice convinto che anche la Russia firmerà il documento, dopo che rassicurazioni sulla disponibilità sono state date dal ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©