Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

DDA CATANZARO: 39 FERMI, COLPO AI CLAN CROTONESI


DDA CATANZARO: 39 FERMI, COLPO AI CLAN CROTONESI
07/04/2008, 18:04

Operazione antimafia della Polizia e duro colpo per  i clan del crotonese.

Trentanove le persone fermate nel blitz che coinvolge esponenti della famiglia Vrenna-Corigliano-Bonaventura di Crotone, mentre altre tre risultano irreperibili. Si tratta del capo della cosca Pino Vrenna e di due personaggi di secondo piano.

Alcuni degli arrestati sono risultati poi in rapporti con il gruppo capeggiato da Luca Megna, ucciso nei giorni scorsi in un agguato mafioso nel Comune di Papanice.

Tra i destinatari dei provvedimenti restrittivi figurano anche esponenti del clan Russelli, questi ultimi legati da vincoli di parentela con Giuseppe Cavallo, ucciso sempre nei giorni scorsi a Papanice, durante una settimana di fuoco per la Calabria.

Tra i reati contestati, associazione di tipo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, attentati contro esercizi commerciali ed esponenti delle forze dell’ordine.

Alcuni fermi sono stati eseguiti anche a Roma, dove risiedeva un albanese che avrebbe fornito materiale esplosivo per l’attentato dinamitardo contro un ispettore di polizia, e a Bologna e Reggio Emilia, centri di rifornimento della droga che veniva venduta nel crotonese.

Nel corso dell'operazione, denominata “Eracles”, sono stati poi sequestrati tre arsenali a disposizione dei clan, composti anche da armi da guerra ed esplosivo.

L’azione è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro.

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©