Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

De Pierro dichiara guerra ai manifesti abusivi


De Pierro dichiara guerra ai manifesti abusivi
11/03/2010, 17:03


ROMA - "Una consuetudine che si ripete puntualmente a ogni tornata elettorale e che ha raggiunto livelli ormai decisamente vergognosi". Così Antonello De Pierro, presidente dell'Italia dei Diritti, commenta le affissioni abusive di cui strabordano le città in tempi di elezioni. Uno scempio urbanistico e ambientale a cui il movimento nazionale intende dare battaglia, come dichiarato dallo stesso De Pierro: "Le città - spiega - sono invase dalle facce di politici, politicanti e aspiranti tali che non si curano del decoro urbano, contribuendo in maniera scriteriata ad aumentare il livello di degrado ambientale. Si è ormai giunti quasi a un punto di non ritorno, dacché anche chi in teoria vorrebbe rispettare le regole è costretto a violarle per non soccombere alla spregiudicatezza di chi se ne infischia e pensa semplicemente al proprio tornaconto in termini di visibilità. Negli scorsi anni il centrodestra anziché frenare con leggi più severe un costume così socialmente degenerativo, si è addirittura preoccupato di garantire la non punibilità di questi pirati dell'ambiente. E' una vergogna di fronte a cui noi dell'Italia dei Diritti non riusciamo a rimanere inerti".

L'Italia dei Diritti intende lanciare un pubblico appello alle istituzioni, affinché intervengano duramente per reprimere tale fenomeno e, contestualmente, dichiara guerra ai manifesti abusivi con un'iniziativa partita dallo stesso presidente De Pierro: "Sappiamo che le nostre sono parole al vento - spiega - perché la politica difficilmente toccherà i propri interessi e poco importa se per ripulire le città si spenderà un'enorme quantità di soldi pubblici. Per questo abbiamo organizzato una task force di volontari che hanno cominciato a staccare tutti i manifesti abusivi individuati. Chiunque voglia attivarsi per nostro conto potrà contattare i nostri uffici. Mi auguro che i cittadini nelle urne sapranno valutare anche questi elementi, che sono manifestazione di sprezzo delle leggi vigenti e di conseguente perdita di fiducia nelle istituzioni", conclude De Pierro, che invita tutti a una riflessione: "Come mai vengono spese cifre faraoniche nella speranza di venire eletti se poi gli introiti istituzionali derivanti sono enormemente inferiori?".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©