Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

I fatti risalgono allo scorso mese di novembre

Decessi a ospedale Boscotrecase, indagati 9 medici


Decessi a ospedale Boscotrecase, indagati 9 medici
09/12/2010, 11:12

BOSCOTRECASE - Piovono inchieste sull’ospedale di Boscotrecase. Una bufera giudiziaria potrebbe scoperchiare un clamoroso caso di malasanità al nosocomio del comune vesuviano. Le procure di Torre Annunziata e Napoli hanno aperto due inchieste per fare luce sulla morte di una neonata e di una donna con disturbi renali. Per il momento sono ben nove i medici indagati. Il primo caso in questione risale  allo scorso 20 novembre.  All’ospedale di Boscotrecase era nata la piccola Antonia Amato. La bambina già nelle prime 24ore di vita aveva fatto segnalare dei problemi fisici. Con l’aggravarsi delle condizioni di salute, i medici furono indotti a disporne il trasferimento al Monaldi di Napoli. Nonostante fosse stata sottoposta alla terapia intensiva, cinque giorni dopo la nascita la piccola Antonia é morta. Successivamente al suo decesso la Procura di Torre Annunziata aveva richiesto l’autopsia al pm di Napoli Fabio De Cristoforo, il quale ha ora affidato la stessa ad un equipe di medici. In attesa del riscontro autoptico, i medici indagati sono sei tra ginecologi, anestesisti e neonatologi, tutti occupati all’ospedale di Boscotrecase.
Quanto al secondo caso, invece, è questo risalente allo scorso 30 novembre. Quel giorno Cira Di Gennaro, di 56 anni, era stata operata al reparto di Urologia nel policlinico della Seconda università. La donna riportava problemi al rene destro aumentato nelle dimensioni in seguito ad una colica renale. La Di Gennaro, sottoposta ad intervento chirurgico, è successivamente deceduta. Anche in questo caso il pm Valentina Rametta ha disposto l'autopsia. In attesa sono indagati altri tre medici.
 

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©