Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Degrado ambientale nell'VIII municipio di Roma, la denuncia dell'Italia dei Diritti


Degrado ambientale nell'VIII municipio di Roma, la denuncia dell'Italia dei Diritti
17/12/2009, 17:12


ROMA - "Come al solito le zone in periferia risentono di quello stato di abbandono da parte delle istituzioni frequente nelle grandi città. Bisogna intervenire per restituire ai cittadini un'immagine dignitosa del luogo in cui vivono". A parlare è Antonella Aprile, responsabile dell'Italia Dei Diritti per l'VIII Municipio di Roma, circa la situazione di degrado vissuta nel quartiere di Fontana Candida, in via delle due Torri, nello spiazzale tra l'istituto comprensivo " Pablo Picasso" e un asilo nido comunale.

Ogni mattina, i genitori che accompagnano i figli a scuola, si trovano costretti a passare con i bimbi per una strada setacciata da profilattici, fazzoletti di carta e altri oggetti lasciati a terra. Di notte, infatti, l'assenza di illuminazione, rende il parcheggio un luogo apparto ideale per incontri amorosi. A questo si aggiunge il sempre nutrito cumulo di rifiuti urbani lasciato in mezzo alla strada e che rende ancora più squallido il percorso verso gli edifici scolastici. "La scena che si presenta ai passanti non lascia dubbi - continua l'esponente del movimento presieduto da Antonello de Pierro -. Basterebbe solo un piccolo intervento del Municipio per mettere apposto la zona di Fontana Candida".

Ma i disagi diventano ancor più evidenti a causa anche del manto stradale non rifinito e che, in caso di pioggia, si trasforma in un vero e proprio percorso ad ostacoli inevitabile per aggirare la fanghiglia e le pozzanghere. "Come Italia dei Diritti chiediamo un pronto intervento per garantire igiene e decoro. Basterebbe infatti pianificare una strategia che intervenga sull'illuminazione, attraverso l'installazione di qualche lampione, e il rifacimento dell'asfalto, per arginare il problema", conclude la Aprile. "Piccoli gesti che renderebbero più sicura l'intera zona, mettendo la parola fine ai disagi che ogni giorno queste famiglie sono costrette ad affrontare".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©