Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

DEL TURCO, LE ACCUSE VANNO DALLA CORRUZIONE ALLA CONCUSSIONE


DEL TURCO, LE ACCUSE VANNO DALLA CORRUZIONE ALLA CONCUSSIONE
14/07/2008, 12:07

Ottaviano Del Turco, a capo di una giunta di centrosinistra, è stato arrestato per corruzione insieme ad altre dieci persone, tra cui l'assessore regionale alla Salute, nell'ambito di un'inchiesta sulla gestione della sanità regionale.
Del Turco, 63 anni, già numero due della Cgil, poi Ministro delle Finanze tra il 2000 e il 2001, è stato arrestato dagli agenti della Guardia di Finanza al termine delle indagini "sulle cartolarizzazioni dei crediti vantati dalle case di cura private nei confronti delle Asl abruzzesi".
E' accusato di associazione a delinquere, concussione e corruzione.
L'inchiesta, avviata già da mesi, riguarda le cartolarizzazioni condotte sia dalla precedente giunta di centrodestra che da quella attuale e aveva già portato all'emissione di alcuni avvisi di garanzia.
I magistrati si sono avvalsi della collaborazione di uno degli indagati, l'imprenditore della Sanità Maria Vincenzo Angelini.
Insieme al presidente,sono stati arrestati l'attuale assessore alla Sanità, Bernardo Mazzocca (ai domiciliari), il responsabile delle Attività produttive Antonio Boschetti, il segretario generale della presidenza della Regione Lamberto Quarta, il capogruppo socialista in Consiglio regionale Camillo Cesarone, l'ex assessore alla Salute della giunta di centrodestra e oggi consigliere Udc, Vito Domenici e l'ex presidente della Finanziaria regionale Giancarlo Masciarelli (entrambi ai domiciliari).
Tra gli altri arrestati, il manager Gianluca Zelli, l'ex direttore generale della Asl di Chieti Luigi Conga, il capo della segreteria dell'assessorato alla Salute Angelo Bucciarelli.
A Francesco Di Stanislao, direttore generale dell'agenzia sanitaria regionale, è stato imposto il divieto di dimora a Pescara.
Secondo il comunicato della Procura - che oggi pomeriggio terrà una conferenza stampa sulla vicenda - complessivamente sono 35 le persone indagate nell'inchiesta.


Commenta Stampa
di Serena Grassia
Riproduzione riservata ©

Correlati