Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Diffide e polemiche da John Meredith e dai legali di Amanda

Delitto di Perugia, a fine mese il film su Amanda Knox


Delitto di Perugia, a fine mese il film su Amanda Knox
05/02/2011, 09:02

E' prevista per il prossimo 21 febbraio, sull'emittente televisiva statunitense Lifetime, la messa in onda del film sul delitto di Perugia, intitolato "Amanda: murder on trial in Italy", interpretato da Hayden Panettiere nel ruolo di Amanda Knox e da Amanda Fernando Stevens, che veste i panni di Meredith Kercher. Ma sul web già girano le immagini shock dell'omicidio della giovane studentessa inglese e nè i genitori di Meredith nè i legali di Amanda Knox sono favorevoli alla divulgazione di una pellicola del genere. Ancora prima dell'uscita sul mercato, la pellicola sul delitto di Perugia è già un caso.
Il padre di Meredith, John Kercher, ha visto il trailer del film e ha confessato al tabloid inglese Sun di essere rimasto inorridito dalla violenza di alcune scene. Pare, infatti, che i produttori del film avessero garantito a Kercher di non mostrare il momento dell'assassinio; ma, da alcune scene in cui si vede l'attrice che interpreta Meredith urlare, bloccata a terra da Rudy Guede e Raffaele Sollecito, si intuisce che l'omicidio verrà mostrato. John Kercher chiede l'immediata rimozione delle immagini dal web.
La madre di Meredith, pur non avendo visto il film, ritiene inconcepibile la realizzazione e la divulgazione di un film del genere quando è ancora in corso il processo d'appello.
Intanto, i legali di Amanda Knox, Luciano Ghirga e Carlo Della Vedova, hanno inviato una diffida alla casa di produzione del film per sospenderne immediatamente la distribuzione, la divulgazione e la messa in onda. Anche Ghirga, come la madre di Meredith, sottolinea il fatto che sia ancora in corso il processo d'appello. Ritiene, inoltre, che negli ultimi mesi sia già stata data, più volte e attraverso diversi mezzi mediatici, un'immagine distorta della sua assistita, lesiva della sua reputazione.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©