Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La segnalazione fatta al blog del Popolo Viola

Denuncia-shock: alla Rai se esci incinta, ti licenziano


Denuncia-shock: alla Rai se esci incinta, ti licenziano
20/02/2012, 14:02

ROMA - E' una accusa gravissima, quella che viene rivolta alla Rai dal blog violapost.wordpress.com, legato al Popolo Viola. Secondo quanto viene riferito, Valeria Calicchio - responsabile del collettivo "Errori di stampa", formato da giornalisti precari - ha fornito loro la foto di un contratto della Rai, in cui all'articolo 10 si legge che nel caso di "malattia, infortunio, gravidanza, causa di forza maggiore o altre cause di impedimento" sopravvenute durante il contratto (palesemente un contratto da precario), la Rai si riserva di valutare il livello di impedimento che l'accaduto crea alla persona nell'esercizio del proprio lavoro, e di conseguenza di pagare di meno il lavoro effettuato. E se l'impedimento (modo simpatico di chiamare una gravidanza) continuasse, la Rai si riserva il diritto di risolvere il contratto, senza pagare alcun indennizzo alla giornalista incaricata.
E' chiaro che la cosa è inammissibile: è espressamente vietata dai contratti nazionali, generalmente sanzionata nei Tribunali del Lavoro e in contrasto con la Costituzione. Ma ad rendere più grave (se ci può essere un più grave, in questo caso) la situazione, è il fatto che stiamo parlando di una azienda pubblica, che quindi più delle altre non dovrebbe sfuggire alle norme generali che vigono nel nostro Paese.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©