Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Testimonianze ed incoerenze del litorale domizio

Depuratore di Baia Domizia guasto ma il mare è pulito


Depuratore di Baia Domizia guasto ma il mare è pulito
24/08/2009, 13:08

Una stagione balneare di sicuro poco felice per i titolari degli stabilimenti Domizi si conclude con un'altra  nota dolente: il depuratore di Baia Domizia dichiarato dai carabinieri non a norma. Le otto vasche ispezionate sarebbero infatti non a tenuta stagna e favorirebbero l'effetto colabrodo ed il conseguente sversamento di liquami in mare.
Eppure, più di un bagnante, assicura che l'acqua è addirittura più pulita quest'anno rispetto alle astati passate. Sarà che, tale minor inquinamento (apparente) è dovuto appunto al forte decremento delle presenze nei mesi estivi dovuti alla stragonfiata "emergenza"?
Anche il presidente provinciale del Coni Michele De Simone dichiara infatti che: "La balneabilità è la migliore in as­soluto negli ultimi quindici anni. Non mi muove la molla del cam­panilismo, ma l’acqua di questa estate appare pulita, non caraibi­ca ma quasi". La stessa opinione positiva è data un villeggiante "particolare"; il Magistrato Carlo Fucci. Il problema principale del litorale domizio restano dunque le baraccopoli del Pantano: abitazioni e soprattutto piccole officine costruite alla men peggio che scaricano in mare ogni tipo di rifiuto (e non lo fanno da quest'anno ma da sempre).
Ciò che però non si riesce a comprendere è perchè, i controlli di idoneità degli impianti di depurazione, vengano fatti il 21 di agosto e non, ad esempio, nel mese di maggio.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©