Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Le indagini erano state puntate subito sui familiari

Desio: operaio ucciso a colpi di pistola, arrestati i figli


Desio: operaio ucciso a colpi di pistola, arrestati i figli
26/02/2010, 14:02

DESIO (MILANO) - Mercoledì sera Cosimo Agostino, operaio di 44 anni, è stato trovato ucciso nella sua abitazione di Desio, in provincia di Milano, con due colpi di pistola. In casa non c'erano segni di effrazione e la tavola era apparecchiata: tutte cose che portavano a pensare che l'omicidio fosse stato fatto da una persona che la vittima conosceva benissimo. E così si sono fatte indagini soprattutto tra i parenti e le persone con cui c'erano rapporti di affari. E questa mattina i Carabinieri hanno arrestato i due figli dell'uomo, di 16 e 18 anni, con l'accusa di omicidio volontario. Al momento dell'omicidio il 18enne era fuori casa, mentre il 16enne era con la madre, ma si ipotizza che abbia supportato il fratello.
La motivazione dell'omicidio risiederebbe in litigi per motivi economici, dato che Agostino aveva aperto un bar a Riace e poi un negozio di abbigliamento a Bovisio Masciago, ed entrambi erano falliti. Allora aveva cominciato a lavorare presso un negozio di ferramenta, ma il contratto da precario che aveva non gli consentiva di mantenere la famiglia in modo soddisfacente. In passato l'uomo aveva anche commesso piccoli reati - furti, spaccio di droga - ma nulla che giustificasse un caso di omicidio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©