Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Di Raffaele: "Pomigliano d'Arco network della sostenibilità"

Parte Riciclando, programma educativo sulla differenziata

Di Raffaele: 'Pomigliano d'Arco network della sostenibilità'
01/02/2011, 17:02

L’Ecopagella sarà il cuore di “Riciclando” il programma educativo previsto nell’ambito della Campagna di Comunicazione sulla raccolta differenziata ideata dalla Fondazione Willy Brandt (FWB ) e messa in atto dall’Enam Spa , società che tra gli altri gestisce anche il servizio di igiene urbana della città di Pomigliano d’Arco
“I ragazzi delle quarte e quinte elementari – ha affermato Enzo Pirone , coordinatore della FWB – utilizzeranno tale strumento per dialogare con i propri genitori e con il circuito parentale di riferimento circa le modalità e l’utilità di una buona raccolta differenziata. Tramite l’Ecopagella , con una classica inversione dei ruoli, diventeranno essi stessi protagonisti che, con domande e successive valutazioni, attribuiranno un punteggio, “daranno un voto”, ai comportamenti e alla sostenibilità ambientale delle abitudini nella gestione casalinga dei rifiuti e della raccolta differenziata . Le Ecopagelle saranno raccolte e digitalizzate per poter essere poi analizzate da esperti, coordinati dalla FWB e avere un’analisi statistica sulle abitudini e comportamenti delle famiglie”.

La FWB è un Ente Morale riconosciuto dal Ministero degli Affari Interni e opera per lo sviluppo delle relazioni internazionali e della cooperazione tra i popoli promuovendo i valori e gli ideali dell’integrazione socio – culturale ma è molto attiva e apprezzata in ambito nazionale ed internazionale , soprattutto per la cooperazione nei campi della ricerca, training e formazione ambientale con particolare attenzione ai temi dello sviluppo sostenibile, energie alternative, riduzioni delle emissioni dei gas climalteranti , gestione del ciclo dei rifiuti solidi
urbani ed industriali , bonifica e recupero di aree contaminate.
Nell’ultimo triennio la Fondazione Willy Brandt ha promosso in Italia e all’estero numerosi incontri , seminari e workshop sulle migliori pratiche di gestione dei rifiuti illustrate da esperti di livello internazionale.
L’Ecopagella non sarà l’unica protagonista della campagna di sensibilizzazione della differenziata a Pomigliano d’Arco.
Infopoint nei luoghi di aggregazione , incontri nelle scuole, nelle parrocchie , lungo piazze , strade , nelle fabbriche, una campagna di comunicazione con l’uso di un linguaggio diversificato in grado di parlare a tutti , dal ragazzo all’adulto e dunque una festa – gioco per i bambini con il coinvolgimento dei genitori, delle famiglie ma anche uno spettacolo teatrale sui rifiuti , scritto, ideato dai ragazzi delle scuole che metteranno in campo le loro capacità, la loro fantasia , la loro voglia di esserci .
“Pomigliano d’Arco sarà un vero e proprio network della sostenibilità – ha affermato Nicola Di Raffaele , Top Manager dell’Enam Spa – dove scenderemo tra la gente per raccontare , spiegare il funzionamento della differenziata . Come? Suddividendo il territorio comunale in aree dimostrative con la presenza del personale Enam che illustrerà , con l’ausilio di apposita cartellonistica , modalità e importanza della raccolta differenziata e del riciclaggio dei rifiuti . Saremo dietro l’angolo , gomito a gomito con il cittadino pronti a rispondere a tutti i suoi dubbi”. E poi “tolleranza zero nei confronti di chi non osserverà le norme – ha continuato Di Raffaele – mancando di rispetto alla collettività . Un foto – reportage denuncerà ed evidenzierà i punti di maggiore sofferenza” C’è una sfida da vincere : incrementare i livelli della differenziata nella nostra regione . “ Questa sfida la deve vincere la Campania che dovrà raggiungere il 50% entro fine 2011 – ha concluso Di Raffaele – e dunque la dovrà vincere Pomigliano d’Arco raggiungendo questa percentuale entro il primo semestre dell’anno . Oggi la differenziata è al 32% mentre portiamo ancora 13.948.260 Kg di rifiuti indifferenziati negli Stabilimenti di Tritovagliatura ed Imballaggio Rifiuti, ben il 68%. Dunque dobbiamo fare di più”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©