Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il capo della polizia commenta la sentenza della Cassazione

Diaz, Manganelli: “E’ il momento delle scuse ai cittadini”

L’associazione: “Mai più ripetere errori”

Diaz, Manganelli: “E’ il momento delle scuse ai cittadini”
06/07/2012, 15:07

ROMA - “È il momento delle scuse ai cittadini”: è con queste parole che il capo della polizia, Antonio Manganelli, commenta la sentenza della Cassazione sui fatti accaduti, undici anni fa, nella scuola Diaz di Genova. Pur dicendosi orgoglioso di essere il capo di donne e uomini “che quotidianamente garantiscono la sicurezza e la democrazia di questo Paese”, Manganelli ha parlato di “scuse dovute”, soprattutto ai cittadini “che hanno subito danni”, e a quelli che, avendo fiducia nella polizia, “l’hanno vista in difficoltà per qualche comportamento errato ed esigono sempre maggiore professionalità ed efficienza”. Le sue parole giungono all’indomani del verdetto della Cassazione che ha confermato le condanne d’Appello per falso nei confronti della catena di comando all’epoca del G8 di Genova, causando come effetto collaterale l’azzeramento degli attuali vertici dell’anticrimine, che dovranno lasciare i loro incarichi ed essere sostituiti. “Per migliorare il proprio operato, a tutela della collettività, nell’ambito di un percorso di revisione critica e di aperto confronto con altre Istituzioni, da tempo avviato, la Polizia di Stato ha tra l’altro istituito la Scuola di Formazione per la Tutela dell’Ordine Pubblico al fine di meglio preparare il personale alla gestione di questi difficili compiti. Il tutto – ha concluso il capo della polizia - per assicurare a questo Paese democrazia, serenità e trasparenza dell’operato delle Forze dell’Ordine, garantendo il principio del quieto vivere dei cittadini”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©