Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Per i poliziotti condannati arriva il sì per servizi sociali

Diaz: reporter inglese picchiato firmerà accorso al viminale


Diaz: reporter inglese picchiato firmerà accorso al viminale
02/10/2012, 18:04

ROMA - Domani, il giornalista inglese Mark Covell, una delle vittime più brutalizzate nel pestaggio alla “Diaz” e che ha rischiato di morire per le botte riportando lesioni permanenti, firmerà un accordo, a Roma, con il ministero dell'Interno, nella sede del Viminale, per il risarcimento dei danni fisici e morali subiti che gli hanno anche impedito di proseguire nella sua professione. “L'accordo - rende noto un comunicato dei suoi legali, avvocati Massimo Pastore e Lavinia Botto - è frutto di una trattativa chiusa questa primavera con il Ministero a seguito della causa civile intentata dinanzi al Tribunale civile di Genova”. All'uscita dal ministero, Covell, che a Genova ha ricevuto la cittadinanza onoraria, e i suoi avvocati saranno disponibili a rispondere ad eventuali domande”.

Intanto sull’altro fronte, la Procura generale di Genova, ha dichiarato “ammissibili” le istanze con le quali gli ex funzionari della polizia, condannati in via definitiva dalla Cassazione nel processo “Diaz”, hanno chiesto l'affidamento ai servizi sociali per scontare la pena fuori dal carcere. Lo si è appreso dall'avvocato Marco Corini che ne assiste alcuni. “Ora gli atti sono stati trasmessi alla magistratura di sorveglianza che dirà la parola finale. L'udienza, probabilmente, si terrà con l'anno nuovo; la pena e' sospesa”, ha detto Corini.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©