Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Il direttore del Giornale: "Voglio andare in carcere"

Diffamazione, Sallusti ai domiciliari


Diffamazione, Sallusti ai domiciliari
30/11/2012, 12:27

MILANO – Sconterà la sua pena ai domiciliari Alessandro Sallusti, il direttore de Il Giornale condannato a 14 mesi per diffamazione. La decisione arriva dal giudice di sorveglianza del Tribunale di Milano, che ha accolto la misura era stata chiesta nei giorni scorsi dal procuratore della Repubblica, Edmondo Bruti Liberati, in base alla legge "svuota-carceri". Nelle prossime ore scatterà, quindi, l'obbligo per il giornalista di non abbandonare il suo domicilio. Eventuali deroghe saranno valutate in seguito.

Nel suo provvedimento il giudice non entra nel merito della decisione di Edmondo Bruti Liberati, procuratore capo, di sospendere l'esecuzione della pena. Il giudice, invece, si limita a verificare che nel caso di Sallusti ricorrono tutti i requisiti per applicare la cosiddetta legge svuota carceri. Sin dall’inizio, il direttore del Giornale ha rifiutato qualunque beneficio e qualunque trattamento preferenziale rispetto agli altri condannati in condizioni simili alle sue.

“Voglio andare in carcere, non ho intenzione di andare agli arresti domiciliari”, ha detto Alessandro Sallusti in conferenza stampa nella sede del Giornale commentando la decisione del giudice.

 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©