Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Scoperto giro di "Diplomi facili"

Diplomificio a Ragusa: 5 indagati

Accusati di associazione a delinquere ed estorsione

Diplomificio a Ragusa: 5 indagati
25/05/2012, 13:05

Cinque indagati per un presunto giro di 'diplomi facili' scoperto dalla Guardia di finanza in un istituto scolastico paritario di Ragusa. L'accusa ipotizzata e' di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di falsita' ideologica e materiale in atto pubblico, commessi da pubblici ufficiali e da privati, alla truffa ai danni della Regione Sicilia e dello Stato, estorsione in danno dei docenti, abuso ed omissione atti d'ufficio. Tra i denunciati, il rappresentante legale ed il preside della scuola privata coinvolta.
 Le indagini, dirette dalla Procura della Repubblica e durate circa un anno, sono state avviate a seguito di segnalazioni che indicavano l'istituto come un "diplomificio", dove senza eccessivi impegni scolastici e con minima frequenza era possibile conseguire un titolo con valore statale. Con gli investigatori hanno collaborato l'Ufficio scolastico provinciale e quello regionale, che hanno fornito chiarimenti in merito alle modalita' di gestione delle scuole paritarie. Nell'istituto sono stati acquisiti documenti poi incrociati con le dichiarazioni rese dagli studenti. E' emersa una serie di irregolarita', tra cui classi con un esiguo numero di studenti, l'impiego di docenti privi di abilitazione all'insegnamento, la mancanza di locali idonei per la palestra e di un'aula informatica, il pagamento di somme consistenti per poter sostenere gli esami di Stato da parte di candidati esterni privatisti. Questi versamenti erano giustificati come "tassa d'esami", nonostante questa pratica sia espressamente vietata da ordinanze del ministero dell'Istruzione. Uno degli indagati gia' lo scorso anno era stato raggiunto da una misura cautelare per fatti sostanzialmente analoghi, commessi presso altri istituti paritari operanti, quella volta, nel Siracusano.

Commenta Stampa
di Anna Carla Broegg
Riproduzione riservata ©