Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

DISABILE MORTA PER RAPINA, IL PARROCO: "INFERNO PER RESPONSABILI"


DISABILE MORTA PER RAPINA, IL PARROCO: 'INFERNO PER RESPONSABILI'
13/01/2009, 16:01

"Chi non si pente non avrà misericordia. Felicia è stata schiodata dalla sua sedia ma per questi uomini senza volto se non si pentono c'é una sedia all' inferno": è questo il monito che il parroco della Chiesa del Sacro Cuore di Casandrino (Napoli), Don Antonio Picone, ha lanciato al termine della cerimonia funebre di Felicia Castaniere, la disabile morta venerdì scorso dopo aver subito una rapina. Nel pomeriggio migliaia di persone hanno preso parte alla funzione religiosa celebrata in memoria della donna: in prima fila i rappresentanti dell'associazione di volontariato della quale Felicia era membro. Presente anche una delegazione dell'associazione "Oltre la disabilità". In Chiesa gli amministratori di Casandrino ma anche quelli dei comuni limitrofi che nella mattinata di oggi hanno preso parte ad un consiglio comunale straordinario, tenutosi alla presenza dell'assessore regionale ai Servizi sociali, Alfonsina De Felice. Straziati dal dolore, in prima fila in Chiesa, erano seduti gli anziani genitori delal vittima. La madre, nel corso della celebrazione si è alzata urlando: "Mia figlia è morta per tutti quanti".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©