Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Disoccupati bros, eseguite 25 misure cautelari

Perquisita casa del consigliere regionale Corrado Gabriele


Disoccupati bros, eseguite 25 misure cautelari
13/02/2014, 08:22

NAPOLI - Al centro delle indagini i fatti compresi tra il 2010 e il 2014. Al centro delle misure eseguite dalla Questura di Napoli ci sono 25 disoccupati organizzati Bros. In particolare dieci persone sono state poste agli arresti. Secondo la Procura di Napoli "una ristretta cerchia di aderenti a gruppi di cosiddetti disoccupati organizzati ha dato vita ad una vera e propria struttura delinquenziale, articolata in cellule operative stabilmente coordinate fra loro, dedita all'uso ricattatorio della violenza di piazza ed all'intimidazione di pubblici ufficiali ed istituzionali". "In particolare”, secondo il procuratore della Repubblica aggiunto, Giovanni Melillo, “al fine di ottenere il ripristino di scelte gestionali della pubblica amministrazione corrispondenti a politiche sociali di tipo assistenzialistico e clientelare, venivano pianificati e realizzati, con pervicace reiterazioni, blocchi ferroviari e portuali, occupazione di uffici pubblici e di luoghi sacri e museali, devastazioni di sedi di partiti politici". Nell’ambito dell’operazione è stato perquisito  dagli agenti della Digos e della Squadra Mobile all'interno il centro sociale nonchè sede dei disoccupati del 'movimento di lotta per il lavoro Banchi Nuovi' a Napoli. Inoltre è stata perquisita anche l’abitazione del consigliere regionale Corrado Gabriele. Sotto la lente il suo pc portatile, come ha reso noto lo stesso Gabriele, al quale verrebbe contestato di aver condizionato e paralizzato l'attuazione del piano del lavoro varato dall'amministrazione regionale, accettando incontri e promuovendo convergenze politico-amministrative finalizzate a garantire l'inserimento lavorativo nella pubblica amministrazione". 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©